Scritto domenica 01 maggio 2016

Beltane, celebrazione ed unione del Maschile e Femminile

beltane

I riti di rinnovamento, cominciati ad Ostara, l’Equinozio di Primavera, culminano nella notte  di Beltane, tra il 30 Aprile e il 1 Maggio.

Beltane è la notte in cui si celebra la passione che genera la vita.

Chiamata anche Calendimaggio, è la festa più importante di tutto il calendario agricolo celtico.

I riti legati a questa festa si inseriscono nel folklore e nelle tradizioni agricole di tutto il mondo. Anche in Italia, in qualsiasi regione, è facile trovare Feste di Primavera, in cui si innalzano alberi della “cuccagna” con leccornie di vario tipo appese, in cui si accendono fuochi, si beve vino, si danza e si mangiano le frittelle di mele.

Tutto questo deriva ed è legato dalle antiche celebrazioni di Beltane, che significa letteralmente Splendore, una festa in onore dell’estate che giunge a portare i suoi frutti, una festa dedicata alla fertilità, alla Madre Terra che viene fecondata dal Re di Maggio per dare buoni frutti.

beltaine 1

Danze davanti ai fuochi di Beltane

Questo processo naturale viene enfatizzato con l’accensione dei Fuochi di Bel (grandi falò anticamente dedicati al Dio Bel o Belenus) e tutto il popolo della terra festeggia propiziando la fertilità, con canti, danze e inneggiando all’amore. Nel Regno animale questo è il periodo dell’accoppiamento, nel regno naturale la terra è feconda e da buoni frutti,  e proprio questa fertilità, il continuum della vita, è il fulcro delle celebrazioni di Beltane.

Davanti a grandi falò accesi, con ricchezza di cibo e vino, il popolo cantava, danzava per tutta la notte, e poi le giovani coppie si appartavano e facevano l’amore sulla Terra e si dice che i figli concepiti durante questa notte magica erano dotati di molto potere. Chi non aveva un compagno poteva trovarne uno apposta per l’ occasione.

E’ quindi normale che la Chiesa abbia considerato questi riti antichi di celebrazione della Fertilità come riti puramente orgiastici, che non abbia cristianizzato questa festa, come invece tutte le altre del calendario celtico (vedi OstaraShamain, Litha,) ma che l’abbia invece demonizzata, catalogandola come  una demoniaca Notte delle Streghe, il massimo momento in cui erano presenti gli inquieti spiriti dei morti. 

Per ovviare a tutto questo l’unica soluzione era pregare molto e chiedere l’intercessione a Santa Valpurga, una monaca inglese e badessa del monastero tedesco di Heidenheim, dove morì nel 1871, ereditando la funzione di Grande Madre, nella notte  (la stessa di Beltane) a lei dedicata, la notte di Valpurga.

Ma come può una monaca vergine celebrare la fertilità? Se la Terra fosse vergine, sarebbe una terra Sterile, gli alberi non avrebbero frutti e la terra non produrrebbe cibo, e nessun ciclo naturale potrebbe compiersi. 

I riti della fertilità e in genere tutti quelli legati alla sessualità vengono spesso fraintesi, non solo dalla Chiesa, ma anche da molte persone che riducono il tutto ad uno sterile rapporto sessuale, dimenticandosi della Celebrazione dietro di esso e del Potere della Vita stessa.

A Beltane si celebra l’Unione del Maschile e del Femminile, in senso fisico ma anche in senso spirituale.

E’ considerata la festa della Giovinezza, la festa della gioia, dove grazie all’Amore accade la procreazione e la Vita sulla Terra può andare avanti.

Ma, come scrive Philip Carr-Gomm ”  Se siamo giovani possiamo cogliere questo momento come un’occasione per entrare in contatto con la nostra sessualità i modo sicuro e creativo. E se siamo più avanti con gli anni  l’accoppiamento che cerchiamo potrebbe anche essere con i versanti femminile e maschile della nostra natura. (Riti e Misteri dei Druidi, 1998)

Intregrare gli opposti è da sempre considerato da tutte le culture spirituali un’ambita meta da raggiungere per il benessere interiore. In questo periodo di Beltane in cui è fisicamente naturale l’Unione, ci sentiremo più predisposti a farlo, sia a livello fisico che a livello spirituale.

A livello fisico Beltane rappresenta un’occasione per ritornare ad amare il nostro corpo, per renderlo bello, per curarlo e farlo ritornare a vero contenitore prezioso della nostra Anima.

Siamo un corpo fisico in un mondo fisico, e cogliamo questo momento di Festa per esprimere le nostre emozioni, lasciamo uscire la gioia, ma anche la rabbia.

Se reprimi la rabbia, quel veleno va a finire nel corpo. Quando ti arrabbi sei in grado di spostare macigni, cose che non saresti in grado di fare ad uno stato normale (….). Quando ti arrabbi lo fai istintivamente come lo farebbe un qualsiasi altro animale, ma poi entra in scena la società, il codice morale, l’etichetta. Sei costretto a reprimere la tua rabbia, devi fare vedere che non sei arrabbiato e stamparti in faccia un sorriso. Cosa succede nel tuo corpo? Il corpo era pronto a lottare, a fare qualcosa (…) invece sei costretto a reprimere, quell’energia non viene rilasciata. Ci sarà un conflitto, nei tuoi muscoli, nel tuo corpo.  La cosa accade con ogni emozione e si ripete giorno dopo giorno, anno dopo anno. Alla fine il tuo corpo rimane storpiato, l’intero sistema nervoso viene deformato. (Osho).

Beltane è una occasione per lasciare andare le emozioni, per non reprimerle, per liberarsi.

In questo articolo, alcuni riti pagani resi “moderni”, di gruppo o anche per la coppia.

Tipico Albero di Beltane o Calendimaggio

Tipico Albero di Beltane o Calendimaggio

A livello spirituale, possiamo cominciare a lavorare sull’equilibrio del nostro maschile e del nostro femminile e sicuramente il primo passo è prendere coscienza di quali sono i nostri limiti o credenze limitanti e cominciare un percorso per l’integrazione di esse. Rimaniamo quindi in ascolto e chiediamo che la Via più adatta a noi ci sia mostrata. Il periodo è propizio. Usciamo in natura e raccogliamo del Biancospino, intrecciamolo e facciamo una ghirlanda per la nostra casa, accendiamo un fuoco in giardino con la luna alta nel cielo (in totale sicurezza, mi raccomando!!!) e chiediamo che la Via ci venga mostrata.

Come dicevo ad inizio articolo ci sono innumerevoli le Feste che ricordato Beltane nelle sue varie sfaccettature, e il mio consiglio è quello di parteciparvi con la massima consapevolezza.

Ecco anche un Festival completamente dedicato a Beltane, che si svolge in provincia di Biella, dal 20 al 22 Maggio.  Quest’anno è alla sua ventesima edizione: Qui il calendario e il programma completo.

Qui altri articoli di approfondimento che affrontano la ricorrenza di Beltane sotto il profilo esoterico e magico.

Celebrare Beltane: (fonte: Cronache Esoteriche)

Beltane ( Fonte: Il mondo di Morgana)

La notte di Valpurga (Fonte: Il Calderone Magico)

Lettura consigliata: La magia dei Celti di Laura Rangoni (Xenia Editore)

Buona Beltane e Buona Estate a tutti !

🙂

© 2016, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Alessandra Gianoglio


Autrice di narrativa, blogger, appassionata di musica e di materie evolutive, il suo primo eBook, "Sette Racconti Brevi per il tuo Cuore", ha collezionato oltre 150.000 downloads. E' disponibile anche il suo secondo libro, sempre in formato eBook, "Sette Racconti Brevi per il Tuo Cuore - Vol.2 ". E' autrice anche del saggio di controinformazione " Michael Jackson | l'Agnello al Macello", scritto a quattro mani con Gessica Puglielli, che rappresenta un lucido ed oggettivo resoconto sulla figura di Michael Jackson e che in Italia è stato un caso editoriale, arrivando anche alla trasmissione "Mistero" di Italia 1. Vegana, tendenzialmente crudista, è co-fondatrice di www.veganmama.it, uno shop on line dove potrai trovare solo alimenti vegetali, 100% vegan, ma anche superalimenti vegani crudisti. Un luogo dove vivere una nuova ed entusiasmante esperienza vegan! Visita il suo blog personale: www.alessandragianoglio.com.

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


informazione pubblicitaria