Scritto martedì 02 febbraio 2016

In: Alimentazione | Speciale Alimentazione | Nessun Commento

Integratori proteici vegetali: un buon alleato per lo sport

proteine-vegetali

Quando si parla di alimentazione e fitness certamente si prende in considerazione l’importanza degli integratori proteici. Molti sportivi hanno un regime alimentare a base di carni rosse o uova, per sviluppare i muscoli e mantenerli più tonici. Un eccesso di assunzione di proteine di origine animale, però, è tutt’altro che benefico per il corpo umano, in quanto sono ricche di grassi saturi, che a lungo andare causano malattie cardiovasvolari e aumentano il colesterolo.
Come fare, allora, per bilanciare la dieta degli sportivi? Fortunatamente, esistono in natura numerosi vegetali in grado di fornire il giusto apporto proteico ad un organismo particolarmente attivo sul piano fisico. Di conseguenza, sono molte le tipologie di integratori proteici vegetali che sono in grado di aiutare uno sportivo a migliorare il proprio benessere. Vediamo insieme quali sono i migliori integratori alimentari naturali.

Il valore biologico
Le proteine sono note come i “mattoni” di ogni organismo vivente: nel corpo, esse sono costituite da catene di amminoacidi che servono a promuovere la crescita e la riparazione delle cellule. Si tratta di macronutrienti in grado di svolgere numerose funzioni vitali, quali quella enzimatica, immunologica e strutturale, in quanto contribuiscono alla formazione delle membrane cellulari e permettono la contrazione dei muscoli. Il valore biologico (VB) di un qualsiasi alimento o integratore alimentare è un valore numerico che si riferisce alla sua qualità proteica: quanto più questo valore è elevato, tanto più il valore della proteina è qualitativamente alto. Le proteine hanno l’obiettivo di aiutare l’organismo a mantenere una massa muscolare efficiente e di rifornirlo di sostanze nutrienti in misura adeguata rispetto al fabbisogno e alle eventuali carenze.

Gli integratori proteici a base vegetale
Talvolta, quando la dieta non è sufficientemente bilanciata e l’apporto nutritivo dato dagli alimenti assunti non arriva a coprire l’intero fabbisogno dell’organismo, si può ricorrere a integratori alimentari naturali che, oggigiorno, sono reperibili anche online.
Scendendo più nel particolare, per compensare la carenza di proteine ad alto valore biologico, soprattutto nel caso degli atleti, si può fare uso di integratori di proteine vegetali. Sfruttando le componenti proteiche di alimenti di origine vegetale, gli integratori naturali riescono a sopperire alle carenze proteiche, di sali minerali e fibre di un organismo sotto stress. Alla base di questi integratori vi possono essere varie sostanze nutrienti, quali la soia, i piselli, la canapa, il riso o la chia. Questi integratori sono particolarmente indicati per chi segue una dieta vegetariana o vegana e per i soggetti intolleranti al lattosio, in quanto gli integratori di origine vegetale non contengono derivati del latte. Generalmente le proteine di origine vegetale sono sempre piuttosto digeribili: è sempre bene prediligere quelle biologiche e crude (essiccate sotto i 42 gradi), ancor meglio se derivate da germogli.

Quali integratori naturali scegliere?
Gli integratori proteici di origine vegetale sono composti da proteine naturali idrolizzate, cioè sottoposte ad un processo enzimatico chiamato idrolisi, che consiste nella loro scomposizione in singoli amminoacidi. In questo modo, tramite la loro assunzione, si ha un apporto immediatamente disponibile di amminoacidi essenziali per l’organismo. Diversamente dagli integratori proteici di origine animale, quelli naturali sono alcalizzanti, dunque non contribuiscono a generare acidità e per questo risultano altamente digeribili. Si consiglia sempre di testarne la digeribilità e il miglior modo è provarle. fino a che non si trova la proteina che va meglio d’accordo con il nostro corpo.

Integratori di proteine vegetali di soia
Gli integratori di proteine vegetali a base di soia hanno un bassissimo contenuto in colesterolo e grassi saturi, che li rende ideali per chi soffre di malattie cardiovascolari. Le proteine derivate dalla soia hanno un valore biologico superiore a quello presente in carne e pesce, utile per mantenere efficiente la massa muscolare. La presenza degli isoflavoni, tuttavia, tendendo a legarsi ai recettori degli estrogeni, può, in taluni casi, aumentare i livelli di estrogeno nell’organismo: per questo motivo spesso non se ne consiglia l’utilizzo agli uomini. Allo stesso modo la soia è considerata un allergene, per cui è meglio non farne un uso prolungato, ma alternarle con altre di altra derivazione.

Integratori di proteine vegetali di frumento
Il frumento si caratterizza per la sua alta digeribilità al confronto con i derivati delle proteine animali, a fronte di un basso contenuto di grassi e carboidrati. Gli integratori a base di proteine vegetali di frumento sono particolarmente graditi ai soggetti che praticano una attività fisica che prevede un’elevata prestazione muscolare.

Integratori di proteine vegetali di canapa, riso e chia
La proteina estratta dai semi di canapa è un integratore proteico naturale molto completo in grado di proteggere il sistema immunitario, ideale per chi pratica sport all’aria aperta. Gli integratori a base di proteine derivate dalla canapa assicura l’apporto di acidi grassi essenziali Omega 3-6-9, antiossidanti, vitamine e un buon contenuto di fibre.
Per quanto riguarda gli integratori a base di proteine del riso, si caratterizzano per l’elevata digeribilità, l’assenza di grassi e apportano il giusto quantitativo di amminoacidi e peptidi senza generare alcun senso di pesantezza. Le fibre presenti nel riso svolgono un’azione prebiotica, aiutando la salute dell’intestino e un veloce assorbimento degli zuccheri. È per questo che si tratta di integratori particolarmente indicati per chi pratica attività sportive intense, poiché riparano con maggiore velocità il tessuto muscolare.
Infine, gli integratori proteici a base di semi di chia, possiedono elevate proprietà benefiche soprattutto in relazione alle infiammazioni. Il nome stesso, Chia, deriva etimologicamente dall’atzeco e significa “forza”, ad indicare la capacità di rinvigorire i muscoli dopo uno sforzo.

© 2016, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore


Appassionata di new media e comunicazione, cerca di trovare nel web il giusto compromesso fra quello che è possibile fare e quello che, invece, "potrebbe" esserlo.

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


Quantic Magazine © 2010-2018 - Tutti i diritti riservati.