Scritto martedì 09 aprile 2013

In: Pratiche | 1 Commento

Il Potere degli Animali Totem

Gli Animali Totem o di Potere, sono un altro potente e incredibile aiuto che ci arriva in soccorso per guidarci nel lavoro di crescita personale dal mondo dell’Invisibile.
Amati e venerati fin dall’antichità da tante popolazioni, gli animali racchiudono in sé grandi insegnamenti.
Ogni animale, sia mitologico che reale, compresi pesci, rettili e insetti, ci mostra dei comportamenti che vogliono trasmettere messaggi di guarigione; anch’essi hanno lati d’ombra e lati di luce come ciascuno di noi.
A seconda delle culture, il loro significato può avere sfumature diverse; in base all’ubicazione geografica dei vari popoli, cambia anche il tipo di animale: per esempio l’elefante è considerato sacro per gli indiani e non viene contemplato come totem per il popolo dei Nativi Americani.
Se si osserva con attenzione, si possono notare raffigurazioni di animali su muri, dipinti, oggetti e altro in civiltà come quella egizia, quella maya, il popolo Inca, in India, ma nel pensiero collettivo, a rendere “famosi” gli Animali Totem, è la cultura e medicina dei Nativi Americani, sulla quale ci soffermeremo.
Per gli Indiani d’America, ogni individuo possiede nove Animali di Potere che ci seguono e assistono, insieme ai nostri Spiriti Guida, nel percorso di crescita qui sulla Terra.
Ci sono sette direzioni che circondano il nostro corpo fisico: Est, Sud, Ovest, Nord, Sopra, Sotto e Dentro (inteso come insieme di ciò che è dentro e fuori di noi come collegamento con l’intero Universo); tutti noi abbiamo un Animale Totem per ogni direzione, pronto a insegnarci qualcosa in quell’aspetto della vita che tra poco spiegherò in dettaglio.
I sette animali posso variare nel corso della nostra vita, ma solo gli altri due, che vanno a completare la serie dei nove, ci accompagneranno per tutta la vita, uno alla nostra destra e uno alla nostra sinistra.
Entrando nel dettaglio delle direzioni: l’animale dell’Est ci guida verso le nostre sfide spirituali più grandi e protegge il nostro cammino verso l’illuminazione; l’animale del Sud protegge il nostro bambino interiore ricordandoci quando essere umili e avere fiducia, insegnandoci ad avere equilibrio tra innocenza e personalità; l’animale dell’Ovest ci guida verso le nostre verità personali e ci mostra il sentiero per raggiungere i nostri scopi; l’animale del Nord ci suggerisce quando parlare e quando ascoltare e ci insegna la gratitudine per ogni istante di vita; l’animale di Sopra ci collega alle altre dimensioni e ci ricorda da dove veniamo e dove torneremo; l’animale del Sotto è collegato alla terra e ci aiuta a rimanere stabili sul nostro sentiero; l’animale di Dentro ci insegna come trovare la gioia dentro al cuore e protegge il nostro spazio sacro; l’animale sul nostro lato destro protegge la parte maschile, è il nostro Padre protettore interiore che ci infonde coraggio; l’animale sul nostro lato sinistro protegge la parte femminile, ci insegna a dare e ricevere l’abbondanza per crescere noi e far crescere gli altri.
Potete trovare i vostri animali scrivendo tutti quelli che vi vengono in mente su bigliettini di carta, poi su un foglio tracciate le varie direzioni sopracitate; vi centrate col vostro cuore e chiedete che vi vengano mostrati i vostri nove Animali di Potere, uno per ogni direzione indicata; a questo punto vi lasciate guidare dall’istinto nella scelta dei bigliettini. Potete trovare i vari significati su internet o grazie alle carte in vendita; queste informazioni sono state tratte da “Le carte medicina” di Jamie Sams e David Carson.
Personalmente lavoro tantissimo con gli animali, spesso mi arrivano in sogno, o mi capita di vederli per strada o in cielo o qualcuno mi regala un ciondolo o un bracciale a forma di animale… comunque, ogni volta che m’imbatto in uno di essi e vado a leggere il loro insegnamento, è sempre stupefacente scoprire come io possa trovare le risposte ai quesiti che vivo in quel momento della mia esistenza.
Se impariamo a “vedere” i segni, tutto ci parla e questo ci dà un incredibile forza per andare avanti nel nostro percorso verso la luce, perché, con sempre più frequenza, possiamo scoprire che non siamo mai soli, ma guidati da incredibili presenze che ci tengono con amore infinito la mano.

© 2013, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Michela Salotti


Michela Salotti nasce a Piacenza (Italia) nel 1974 da due amanti del fumetto che le trasmettono geneticamente questa passione. Crescendo ha la fortuna di diventare amica di Giovanni Freghieri, suo concittadino e disegnatore di Dylan Dog, che le insegna le basi di questa arte. Nei primi anni di carriera si è occupata prevalentemente di illustrazioni per libri e nel 2007 ha esordito col suo primo fumetto autobiografico che parla di tecniche energetiche. Ha collaborato, con la casa editrice Renoir Comics come colorista e attualmente collabora come autrice ed illustratrice, per la casa editrice Uno Editori. Dal 2010 collabora con Genitori Channel come illustratrice per video informativi e con alcuni registi, sceneggiatori ed attori italiani come story board artist; dal 2011 ha esordito come sceneggiatrice di corto metraggi. Nel 2012 ha cominciato la collaborazione come grafico, autore e illustratrice per Fabbroni Edizioni. Michela è affascinata dal “mondo invisibile” e dai misteri dell’inconscio, questo l’ha spinta a ricercare se stessa attraverso un lungo lavoro di “pulizia personale” che l’ha portata a sperimentare alcune tecniche energetiche tra le quali: Reiki, Theta Healing, Meditazione Merkabah, EFT, il metodo sciamanico Medicina per la Terra, Stimolazione Neurale, lettura dei registri Akashici, Summa Aurea, interpretazione delle rune, ha frequentato un workshop di Ipnosi Regressiva con Brian Weiss e altro ancora. Ama trasmettere cio’ che più le è servito attraverso i suoi libri.

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento