Scritto martedì 09 maggio 2017

In: Esperienze | Pratiche | Nessun Commento

Luna piena e musica: da Beethoven a Debussy, ascoltate questi brani!

Luna e pianoforte

In arrivo la luna piena di maggio nota come Wesak, o anche come Luna del Buddha. Al di là di qualsiasi credo, religione, filosofia, tendenza, visione, attitudine spirituale, c’è un linguaggio davvero universale che forse meglio di qualunque altro riesce a comunicare l’incomunicabile, a dialogare con l’anima nel profondo: la musica.

Credo non servano nemmeno troppe parole per “presentare” brani del genere, come molti altri lasciatici in eredità da Geni che di sicuro il barlume di illuminazione l’hanno vissuto molto da vicino, un’ispirazione così commovente e precisa nell’accordarsi al cuore intimo della realtà essenziale (che è armonia, suono, vibrazione) da rimanere immortale, indelebile, in grado di emozionare e commuovere con una intensità pari solo all’Origine di tutte le cose che è, appunto, energia, energia vibrazionale. E con uno struggimento pari al ritorno a casa di un viandante dopo un lungo e tormentato viaggio.
Una casa senza pareti né muri né finestre, ma calda e morbida come l’abbraccio di una Madre che accoglie, come il manto stellato della volta celeste.
Tornare all’origine, il luogo originario del Sè al di là di ego e personalità di facciata, un bagno nella meraviglia del puro essere.
Un bagno di meraviglia, l’anticamera per quello stato di gioia e beatitudine che i rishi indiani chiamano Ananda.

Dedichiamoci qualche minuto per ascoltare queste melodie che sono come mantra per il nostro spirito.
Lasciamo che entrino in ogni nostra cellula rigenerandola, cullandola come una ninna nanna densa di amore, quell’amore magnetico a cui obbedisce l’universo intero, un amore disinteressato e non giudicante, che tutto accoglie e tutti include e tutti ama proprio così come siamo.
Percepiamo l’abbraccio della luna piena che abbaglia e che, nel suo momento di massimo fulgore, forse amplifica e un po’ inganna le percezioni, ma tutto rende più magico, poetico, surreale.
Possiamo concederci di essere volubili e vulnerabili come la Luna, satellite che nutre d’ambrosia più i poeti che i mistici i quali forse dal Sole e dalla sua chiarezza di visione traggono maggiore conforto e ispirazione. La materia oscura (che poi oscura non è) può essere una carezza anche per chi ha paura del buio.

Tutto ciò che esiste è un unico essere vivente e la luce è messaggera della vita,
perché è viva e contiene ogni informazione.

Tutto è fatto di luce e lo spazio tra le cose non è vuoto.
Ogni cosa è uno specchio, che riflette la luce e crea immagini di quella luce
e il mondo dell’illusione, il Sogno,
è come fumo che non ci permette di vedere ciò che siamo veramente.

Il nostro vero sé è puro amore, pura luce
– saggezza Tolteca cit. Don Miguel Ruiz – I Quattro Accordi

Ciò che ci fa evolvere non è ciò che illumina, ma ciò che ispira fin nelle viscere e rende ampi, sempre più ampi, come l’universo. Integrali.
Ciò che ci fa uscire anche per un solo attimo dalle strettoie della nostra personalità e ci fa precipitare o innalzare in abissi o altitudini dove ci si sente davvero liberi.
Non percepite libertà nell’ascoltare questi brani? Che tipo di libertà? Fateci caso…
Quale parte del corpo viene più sollecitata ascoltando in rilassatezza questa musica?

Universo galassie

Concedetevi di farlo perché non avete idea di quanto beneficio se ne possa trarre.
Il nostro corpo è assuefatto alla prudenza, alla timidezza, alla chiusura, all’istinto di sopravvivenza che induce alla paura.
Ma avrebbe soltanto bisogno di danzare, fluire nella Coscienza neutra della vita in quel campo al di là del giusto e dello sbagliato dove – citando il poeta Sufi Rumi, risiede un campo immenso di possibilità.
Lasciatevi danzare da tutte le possibilità che restano, e fluite con quelle che potete creare voi.
La luna vi sia compagna, sorella, amante, madre, amica, musa… senza dimenticarvi che

la Luna
è “solo” un simbolo,
una dimensione dell’anima
una potenza di visione,
una forza.
La luna è fuori ma,
soprattutto,
è dentro di noi

www.ceciliamartino.it

Potrebbe interessarti anche:
MEDITARE CON LA LUNA PIENA

WESAK, COSA SIGNIFICA E COME SI CELEBRA

© 2017, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Cecilia Martino


Nasco a Roma sotto il segno della Vergine. Anno 1976. Mi laureo in Lettere prima e in Filosofia dopo con una tesi dal titolo: "Poesia. Immagini dialettiche. La ricerca linguistica dell'indicibile". Approfondisco nel tempo i temi della Comunicazione linguistica e dell’Estetica coltivando, in particolare, una connaturata vocazione alla scrittura creativa e mitopoietica. Negli ultimi anni ho pubblicato 4 libri, la raccolta di poesie “illogicaMente” e alcuni saggi nella rivista di settore “Philosophema”. Studio e pratico Yoga, spiritualità e discipline orientali. Negli anni ho affrontato svariati studi di tutti gli Yoga classici, sia dal punto di vista pratico che teorico, frequentando seminari di approfondimento su Veda, Purana, Upanishad, Ayurveda, Sciamanesimo e Meditazione ad approccio Immaginale (con Diploma per Istruttori metodo IMMAN – Imaginal Mindfulness Meditation Approach Nontherapy- conseguito nel 2016). A Settembre 2016 conseguo il Diploma per Insegnanti Yoga rilasciato dalla Scuola Yoga Shanti Vidya SVYASA (Swami Vivekananda Yoga Anusandhana Samsthana) con una tesi dedicata a uno dei più grandi grandi filosofi e maestri spirituali dell’India moderna, Sri Aurobindo, infaticabile ricercatore e sopraffino poeta, nonché padre dello Yoga Integrale, uno yoga che supera lo yoga stesso in quanto vera e propria visione rivoluzionaria dell’esistenza! Professionalmente mi occupo di editoria web da oltre 10 anni, dal 2005 sono iscritta all'Ordine dei Giornalisti del Lazio, ma il mio vero Lavoro è quello della ricerca interiore messa al servizio della crescita personale e collettiva. Attualmente vivo a Torino. Ho aperto un Blog dal titolo “Il mestiere del dare” ispirato alla condivisione della Gioia, uno stato creativo dell'essere di cui tutti dovremmo essere "portatori sani". Imprese memorabili: Vivere nel mondo ma non essere del mondo Il mio motto: Io mi contraddico. Sono ampio. Contengo moltitudini (Walt Whitman) http://ilmestieredeldare.blogspot.it/

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


informazione pubblicitaria