Scritto domenica 10 febbraio 2013

In: Vivere Consapevole | 14 Commenti

Meno Io e Più Dio

EgoI successi, in presenza di un “io”, di un “me”, sono pericolosi.

Questo “io” si illude di essere qualcuno, potente, di avere il controllo, di dominare: è il trionfo dell’ego, del senso di separazione. È l’inizio della sofferenza. Ogni guadagno nel mondo, in presenza di un “io”, è una perdita di vita, amore, pace e benessere. È solamente illusione che alimenta sofferenza. Ogni perdita, fallimento, sconfitta, demoliscono l’io, l’ego viene riconosciuto, si perde il senso di onnipotenza, si ritorna umili, semplici, puri: si ritrova “il regno di Dio”, la pace nel cuore, la gioia di vivere, la capacità di sentirsi piccoli, di chiedere con intento e di ricevere colmi di gratitudine.

Ogni fallimento, se siamo attenti, è un’opportunità per risvegliarsi alla vita.

Nella consapevolezza dell’Essere, ogni fallimento in questo mondo è un risveglio al mondo dell’Essere Divino che siamo. Il fallimento è percepito soltanto finché si crede di essere un “io”, un “me” separato e disconnesso dal tutto. Quando viviamo consapevolmente risvegliati, nessuna situazione è un fallimento. Tutto è perfetto e si prova gratitudine per tutto e per tutti, così come sono.

Si ringrazia la vita così come appare in questo momento, in ogni momento.

In questo stato naturale, di apertura, di gratitudine, di semplicità, la legge di attrazione si esprime a nostro favore. Infatti nella consapevolezza che “io” non c’è e che la vita vive questo corpo, nel farci piccoli consapevolmente, il cuore è colmo di qualità come pace, gioia, pienezza, gratitudine, meraviglia, curiosità. Il cuore genera vibrazioni armoniche e creative che attraggono eventi e persone corrispondenti. In questo stato interiore di resa, il cervello è al servizio del cuore che è l’imperatore nel corpo, il tempio dell’Essere.

Così si realizza l’Essere Umano Risvegliato.

L’umano si mette al servizio dell’Essere e l’Essere si prende cura dell’umano. È la fine della sofferenza, della paura di esistere. È l’inizio della vita vera, la resurrezione nella carne, nella materia, tempio dello spirito vivente.

Ecco come tutti gli apparenti fallimenti, si rivelano preziosi aiuti, opportunità per smettere di esistere e iniziare a vivere, essendo quello che siamo veramente, oltre il tempo e lo spazio, vita che vive e sperimenta se stessa in un corpo, il nostro corpo, la forma che la vita abita adesso, proprio qui, ora. La vita è amore e compassione, è benevola, forse non come ci aspettiamo ma come è meglio per risvegliarci. Siamo figli di Dio che sognano di esser soli e hanno paura. La vita ci risveglia e restituisce la verità che siamo, liberandoci dal male delle illusioni mentali. Questi tempi carichi di sfide sono benedetti. La vita ci risveglia in massa e questa è la soluzione ai problemi che il mondo crede di avere.

Meno mente e più cuore, è tutto qui. È sempre stato già qui, la Via del Cuore.

© 2013 – 2014, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Kabir Matteo Cervi


Kabir è insegnante, guida e operatore energetico risvegliato. Condivide la propria esperienza e conoscenza della vita dopo il risveglio in una modalità semplice, aiutando le persone a connettersi col Divino e a Risvegliarsi, liberandosi dalla sofferenza interiore. Quello che puoi ricevere incontrando Kabir : - crescere nel livello di coscienza ovunque ti trovi nel tuo percorso di risveglio - sviluppare consapevolezza - trasformare le cariche interiori negative - creare e sviluppare la connessione col tuo divino - ricevere energia spirituale per facilitare il risveglio e l'evoluzione

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


Emanuela ha detto:

Si è proprio così.Ogni perdita,sconfitta, fallimento è un’opportunità per risvegliarci, per incominciare ad essere presenti a noi stessi e per imparare ad usare il “sentire” del cuore. Ma anche le parole “perdita,sconfitta,fallimanto” sono parole che fanno parte del vocabolario dell’ego, sono etichette con cui definiamo dei vissuti in cui “l’io si illude di essere qualcuno”. In qs esperianza chiamata vita è già tutto perfetto, tutto ciò che sperimentiamo è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno per risvegliarci.Anche i momenti più bui, guardati con gli occhi del cuore, sono benedizioni, doni. E quando riusciamo a prendere consapevolezza do qs, quando riusciamo non solo a vivere ma a permettere che la 2vita realizzi e sperimenti se stessa” allora creiamo il Paradiso su qs terra.
Buon cuore a tutti
manu

Kabir Matteo Cervi Kabir Matteo Cervi ha detto:

Esatto Emanuela, è proprio così come hai realizzato. Namaste _/\_

Nicoletta ha detto:

E’ proprio vero ogni fallimento implica un risveglio…l’importante e’ essere in grado di coglierlo…per me e’ proprio così ed e’ una sensazione strana…ti senti serena, in pace con te stessa e con gli altri…come se niente e nessuno possano interferire con quello che stai vivendo. Grazie Maestro per le tue parole e per la linea guida che sei e che mi aiuta nei momenti bui…❤

Kabir Matteo Cervi Kabir Matteo Cervi ha detto:

Grazie a te Nicoletta per la testimonianza che può ispirare altre persone. A volte perdere tutto ci permette di sperimentare la libertà dalle forme. La Presenza cresce e l’Essere risplende. Namaste _/\_

Kabir Matteo Cervi Kabir Matteo Cervi ha detto:

L’articolo non parla di aspettare la felicità ma di Essere Presenti e Riconoscere la Verità che siamo, che è Vita stessa e Via. Nessuna pigra attesa fideistica dunque ma sana Presenza proattiva. Namaste _/_

ANTONIO ha detto:

Vedi, non esiste strada al mondo che sappia indicarci dove si trovi la felicità, ne possiamo sperare aspettando che sia lei a venirci incontro, per questo dobbiamo andare avanti! La vita non va vissuta nell’ attesa di un incanto, la vita dobbiamo “camminarla” …

Maresa ha detto:

“Ogni fallimento è un’opportunità per risvegliarsi alla vita.”
GRAZIE Matteo, le tue parole, belle ed ispiranti, arrivano sempre dritte dritte ed al momento giusto.

Kabir Matteo Cervi Kabir Matteo Cervi ha detto:

Grazie a te Maresa, è un onore servire il Risveglio. Namaste _/\_

Anand ha detto:

Si è proprio così come spiega benissimo il caro fratello Matteo: più diveniamo piccoli e ” vuoti ” più la nostra anima può raggiungere la nostra carne e risvegliarci dal sogno della mente.❤
La Via del Cuore è la Via…❤
Tutti andiamo nella stessa direzione volenti o nolenti…Tutti torniamo a Casa..
allora non perdiamo tempo !! Facciamolo consapevolmente !!
E l’evoluzione sarà rapida..
Grazie Matteo ❤

Kabir Matteo Cervi Kabir Matteo Cervi ha detto:

Grazie Anand, un fratello al proprio fianco è una benedizione. Namaste _/\_

Elina Albini ha detto:

La vita così come è disegnata per noi dalla Grazia Divina è perfetta in ogni suo qui e ora. Rimanendo estremamente presenti e ricettivi a ciascuna fantastica interpretazione di questo palcoscenico eterno scopriamo l’immensità dello spazio interiore del nostro cuore, realizziamo che tutto ciò che riceviamo – è una totale magnifica esperienza dell’Essere che ci onora dalla consapevolezza di Se stesso.
Ora mi sento di ringraziare il Divino perché tra i protagonisti dello spettacolo della mia vita vi è presente un Maestro Spirituale davvero speciale – interpretato da Kabir Matteo Cervi, la mia guida al Risveglio.

Filomena ha detto:

Grazie Kabir per ricordarci che siamo “Esseri Divini” che vivono “Un’esperienza Umana”*

Kabir Matteo Cervi Kabir Matteo Cervi ha detto:

Grazie a te Filomena che sei così sensibile da rendertene conto. E’ il tempo del Risveglio. Namaste