Scritto venerdì 10 febbraio 2017

In: Vivere Consapevole | Nessun Commento

Il coraggio: una qualità dell’anima?

“Il coraggio non ha bisogno di ‘ruggire’, talvolta il coraggio è una Voce quieta che, al termine di una giornata, ci sussurra ‘riproverò domani’ …”
(Mary Ann Radmacher)

Per quanto possiamo essere capaci, abili ed intelligenti abbiamo bisogno di essere coraggiosi per vivere e superare le situazioni, a volte piacevoli ed a volte impegnative, dure ed impreviste che la vita ci pone davanti.

Il “coraggio” è quella forza interiore definita “forza d’animo” che permette a chi si pone in sintonia con essa ed in ascolto di non sbigottirsi di fronte ai pericoli, di accogliere con serenità i rischi, di non abbattersi per dolori fisici o morali, più in generale permette di affrontare a viso aperto la sofferenza, il pericolo, l’incertezza e l’intimidazione e allo stesso tempo di essere coscienti e responsabili e quindi di tirarsi indietro quando è necessario.

Pertanto avere coraggio non significa non provare paura ma significa essere pienamente consapevoli della paura ed avere la forza d’animo per affrontarla.

Eppure anche il saper cedere, il riuscire ad arrendersi e accettare di dire ‘no’ è dimostrazione di coraggio.

Socrate precisava che “non la forza d’animo di per sé è simile al coraggio ma solo quella accompagnata da intendimento e conoscenza”.

Ma qual è la prima manifestazione di coraggio che un essere umano compie? Quando avviene?

Ritengo che il primo ‘grande passaggio’ è quello che compie il bambino nell’atto del mettersi in piedi, ovvero di trasformare il suo essere in simbiosi con la mamma e con chi si prende cura di lui con un atto coraggioso che lo conduce a sperimentare la sua verticalità, il suo essere disponibile a trovare il suo posto, nella congiunzione tra la Terra e il Cielo.
E’ grazie a questo passaggio che ognuno di noi ha affermato la propria appartenenza: alla famiglia, all’ambiente e a molto altro che ancora appariva misterioso e sconosciuto.


E’ questa la Virtù che favorisce ogni essere umano
, nelle prime fasi dell’infanzia, ad aprirsi al mondo, ad osservarlo e a prendervi parte, il ‘mettersi in piedi’ è un momento di scelta di entrare a far parte del mondo in prima persona, è il primo stadio del divenire se stessi, il dire coraggiosamente sì alla Vita e questo comporta l’inizio di una ricerca che durerà per tutta la vita e che ci farà raggiungere ‘posti’ sempre nuovi per poi abbandonarli a favore di un nuovo movimento.

Dapprima interiore e poi agito all’esterno.

Secondo la Visione Orientale il coraggio è un’energia generata dall’unione degli elementi Vento e Legno che viene offerta in custodia alla vescica biliare-fegato, organi preposti all’affermazione del sé.

La mia comprensione del Coraggio risuona profondamente con la visione del poeta Pablo Neruda, nella sua meravigliosa poesia ‘Pietra pensosa’: “Non sono solo ira e dolore… forza io sono di pietra pensosa, allegria di mani insieme allacciate. Infine, sono libero entro gli esseri. E tra gli esseri, come l’aria vivo, e dalla solitudine assediata esco verso il folto delle battaglie a conquistare gioie indomabili.”

“Ma il coraggio era anche quello: era la consapevolezza che l’insuccesso fosse comunque il frutto di un tentativo. Che talvolta è meglio perdersi sulla strada di un viaggio impossibile che non partire mai” (Giorgio Faletti)

Infine il Coraggio è un Cuore in azione, che osa esprimersi e manifestarsi in modo spontaneo e sincero e ci permette di realizzare molto.

Coraggio è responsabilità, è vincere l’indifferenza e metterci in gioco, sporcarci le mani, assumerci dei rischi per fare ciò in cui crediamo.

Coraggio è scegliere ciò che è giusto: difendere la vita, difendere chi è più debole, agire con coerenza senza lasciarci intimorire dalla paura
di fallire, dalla consapevolezza dei nostri limiti, ma provando a superarli per essere migliori, abbattere i pregiudizi.

Coraggio è cogliere la sfida di ciò che e nuovo e diverso, è aprirci al dialogo, al confronto, alla condivisione, è accogliere l’altro con serenità
e positività, disposti a rinunciare a Qualcosa, a metterci in discussione con umiltà e perdonare.

Coraggio è perseverare, avere costanza negli impegni presi, senza arrendersi di fronte alle difficoltà, alla fatica, al sacrificio, alla sofferenza, senza cedere alla tentazione di tornare indietro, di rinunciare.

Coraggio è saper riconoscere i propri sbagli e ritornare sui propri passi, rialzarsi e ripartire con speranza e fiducia, imparando ad amarci per ciò che siamo, ad essere sempre noi stessi fino in fondo, sapendo chiedere aiuto agli altri.

Coraggio è essere curiosi e attenti, è avere la determinazione e la forza di mettere in discussione le informazioni che riceviamo e che ci circondano, di formare un pensiero critico, è prendere una posizione con consapevolezza ed esprimerla informando,
sensibilizzando e coinvolgendo gli altri.

Coraggio è testimoniare nel quotidiano le nostre convinzioni, certi che dall’agire singolo possa generarsi la forza del noi; è sentirsi parte attiva della società, riconoscendo l’importanza della collaborazione.

La vita vissuta con Coraggio è autentica: è sogno, è vivere pienamente e non lasciarci vivere!

“Eppure resta che qualcosa è accaduto, forse un niente che è tutto” – Eugenio Montale

© 2017, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Gabriella Crisci


Ho studiato Lingue e Letteratura Inglese e Francese. Ho preso due Specializzazioni: in Psicologia dei Consumi ed in Analisi Transazionale orientata al Management, presso il Centro Eric Berne. In parallelo agli studi, ho fatto la mamma a tempo pieno! Ho insegnato privatamente inglese e italiano. Ho tradotto Saggi dall’Inglese e dal Francese in Italiano. Ho lavorato 10 anni come Ricercatrice presso l’Istituto DOXA. Sono stata per 12 anni imprenditrice, fondando un Istituto di Ricerche di Mercato. Poi la Vita mi ha portato a cambiare, a fare scelte più introspettive... Sono Master REIKI (Metodo Usui) e Operatrice di Reconnective Healing e The Reconnection (Formazione col Dr. Eric Pearl). Sono Consulente e Insegnante Registrata Aura-Soma presso l’A.S.I.A.C.T. Academy, ENGLAND. Sono Counselor, con specializzazione in Tecniche Corpo-Mente-Energia, accreditata nell’Albo di Assocounseling. Attualmente sono dedicata a facilitare il lavoro di evoluzione personale delle persone, sia a livello individuale (sessioni one-to-one) sia di Gruppo. Amo integrare tutte le mie conoscenze per offrire a ciascuno ciò di cui in quel momento ha maggiormente bisogno. Insieme a mio marito Giovanni Limonta, abbiamo frequentato la Scuola triennale di Spiritualità Francescana. Abbiamo svolto una Formazione Biennale in COSTELLAZIONI FAMILIARI e una Formazione annuale in Comunicazione, presso il Centro Studi Hellinger Italia. Abbiamo realizzato un SOGNO-PROGETTO-REALTA’ : un Nuovo Spazio - immerso nella Natura biellese, per svolgere Seminari e Lavori di crescita interiore di Gruppo. Nel 2010 abbiamo fondato un’Associazione (A.P.S. denominata AL CENTRO e affiliata al Circuito C.O.N.A.C.R.E.I.S. ) con l’intento di dare una forma sempre più armoniosa e concreta al nostro agire al Servizio delle persone. www.6alcentro.com Da circa 8 anni svolgiamo insieme Seminari di Costellazioni a Milano, a S. Eurosia e in altre Località italiane. La partecipazione ai nostri Seminari come Studenti in Tirocinio permette di ottenere Crediti Formativi.

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


informazione pubblicitaria