Scritto venerdì 11 gennaio 2013

In: Tecnologie | Nessun Commento

Mantenere la Propria Energia Vitale

PinealSi può considerare una necessità estrema per l’uomo, oggi mantenere la propria energia vitale. Come per i luoghi di grande bellezza storica e naturale, definiti dall’Unesco patrimonio dell’umanità, noi vogliamo riconoscere nell’Essere umano la stessa caratteristica, e diciamo di più, definendo a maggior ragione la persona nella sua integrità energetica, ne riconosciamo il bisogno di salvaguardare tale energia considerandola “Patrimonio dell’Umano”.

Oggi nella nostra società tipicamente materialista l’uomo trascura troppo il lato energetico, esso invece, è un fattore di grande importanza per il modo di vivere!  (non di sopravvivere)

L’energia che ci ritroviamo in corpo, non è frutto di casualità, ma di precise azioni e pensieri che emaniamo quotidianamente. A volte tali energie provengono dall’esterno di noi stessi e le loro lunghezze d’onda penetrano inconsapevolmente nel nostro corpo, producendo beneficio o purtroppo, maleficio.

A volte non si è consapevoli del bene o del male che si proietta verso  altri esseri viventi, con un pensiero positivo o negativo, consci o  inconsci che si è nell’agire via etere, al di fuori della materia. Nella cultura millenaria del popolo cinese tali lunghezze d’onda mentali sono definite “frecce segrete” ed occupano una grande importanza in una civiltà come la nostra con poca cultura in merito; siamo propensi a definirle ingiustamente come superstizione. Quella del popolo cinese è una civiltà millenaria dedita alla ricerca ed all’applicazione di energie sottili, definita anche con il  nome di Feng-Shui (vento – acqua).

La nostra civiltà basata troppo sulla materialità e sul profitto è costretta a fare i conti con un’energia troppo bassa, il fisico quindi ne risente in maniera evidente con sensazioni di stress, depressioni, esaurimenti nervosi, ecc. Correre poi ai ripari è giusto e doveroso per rimettere il fisico in “Equilibrio Armonico”, ma a volte è troppo tardi,  forme di esaurimento nervoso hanno già provocato danni non sempre sanabili al cento per cento.

Quali sono i sintomi che ci fanno intuire che siamo sulla strada di un calo energetico?

Lo stress ad esempio dà sintomi di stanchezza mentale, incapacità di reagire ai problemi quotidiani, sonnolenza, mancanza di volontà di fare anche le piccole cose giornaliere.

In forma più grave, è la depressione, una fase ulteriore  che condiziona la volontà ed il morale, si ha spesso una visione pessimistica di ogni vicenda della vita, condiziona anche l’emotività che scaturisce vibrazionalmente dal nostro cuore.

A volte purtroppo il logoramento inconscio e non percepibile, specialmente da forme di indecisioni non risolte può portare ad un crollo improvviso, a forme di esaurimento nervoso, cambiando nel giro di poche ore una personalità, paragoniamo il tutto ad  una sorta di strappo repentino di una fune continuamente in tensione e logorata da un continuo sfregamento.

In questo caso i tempi sono molto lunghi per una ripresa armonica, ma c’è pur sempre la speranza di un ritorno alla guarigione se pur parziale.

Riconoscere gli errori essenziali e fare in modo di non commetterli più, è la strada da percorrere. Considerando però la totale mancanza  di volontà, il percorso in salita è a volte molto lungo e faticoso. Con le terapie energetiche si fanno spesso tre gradini in avanti e sempre uno o due indietro, sino alla soluzione totale, diluita nel tempo.

A tutti comunque conviene pensare alla prevenzione e non alla cura.

Fare prevenzione vuol dire essere consapevoli del proprio stato di energia in equilibrio, oppure di essere in una fase di carenza energetica  definita “Yin”,  oppure in fase di eccesso, che è  altrettanto pericolosa per la salute,  definita “Yang” . Quest’ultima essendo di origine caricante può inevitabilmente portare l’Essere umano all’opposto cioè  in  fase Yin, scaricante,  per eccesso di lavoro e di conseguenza di  affaticamento.

Noi operatori radionici usiamo schemi e quadranti per riconoscere questi stati di equilibrio o di alterazione, non essendoci fra le tecnologie elettroniche nessuna macchina che può essere in grado di misurare energie così sottili a livello cellulare.

Fortunatamente,  per tutto questo squilibrio energetico c’è una speranza di riequilibrio. Come noi, così tanti altri attualmente lavorano in questo campo, nel quale con una “ricerca di confine” si realizzano schermature idonee per un equilibrio armonico.

In  questo ultimo periodo  sembra che ci sia molto interesse verso le energie umane e quelle delle abitazioni (causa primordiale di squilibri fisici). La Geobiologia è la scienza che studia l’interazione fra le cellule viventi e le geopatie delle abitazioni.

Intorno al nostro Essere sono presenti milioni di lunghezze d’onda, buone o cattive per le nostre cellule; attenzione a non entrare in risonanza con quelle non desiderate che portano in fase di malattia. Fortunatamente ci sono anche lunghezze d’onda atte a riportarci in salute vibrazionale, cioè in Equilibrio Armonico.

Per entrare in risonanza con lunghezze d’onda che sono presenti per il nostro corretto o scorretto uso, lo strumento più idoneo è la nostra mente, che fortunatamente entra in funzione ed in risonanza non immediatamente con il nostro pensiero, ma dopo vari secondi, circa cinque (non uguali per tutti). Così dà  la possibilità al nostro essere di confermare l’intenzione di sintonizzarci veramente con quella lunghezza d’onda voluta, è come una sorta di interruttore di sicurezza più che utile, necessario per la nostra libertà di sopravvivenza.

Tecniche radiestesiche, trattamenti radionici, strumenti di schermatura a livello vibrazionale, ci  garantiscono nella nostra libertà, la continuità del benessere energetico e di conseguenza anche fisico.

Il nostro Centro di Ricerca si è sempre prestato ad analisi gratuite per tutti coloro che negli anni ne hanno fatto richiesta. Si tenta di scoprire la causa, per poterla eliminare, di un eventuale squilibrio energetico cellulare, constatando la ripresa senza ricorrere ad “integratori” vari.

Lo studio corretto della Natura ci porta felicemente alla scoperta di soluzioni abbastanza soddisfacenti ed a volte definite miracolose! Invitiamo ogni persona ad essere attenti a se stessi in quei cambiamenti, a volte troppo repentini e non sempre giustificati. Con l’attenzione si diventa capaci di percepire ciò che i nostri cinque sensi fisici non intuiscono, lasciando campo al “sesto senso” che è la percezione delle lunghezze d’onda, fonte di vita e di benessere.

Un caro saluto dal vostro…….  “Artigiano dell’Etere”

© 2013, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Gianfranco Galvani


Gianfranco Galvani nato (1940) e residente a Rimini, proveniente dalla casata dello scienziato Luigi Galvani (1737- 1798 - Fisiologo, fisico e anatomista bolognese). Costituisce nel 1985 a Rimini il Centro di Ricerca Bioenergetica Georges Lakhovsky del quale ne è il Direttore. Geobiologo, operatore radionico, ricercatore di confine, opera a Rimini da 50 anni come Radiestesista, progetta e costruisce prototipi di strumenti radionici atti a schermarsi dalle geopatie ed elettrosmog. Collabora con l’Università di Urbino con le sue macchine sulla ricerca cellulare in vitro, cause e rimedi sui tumori. Libero docente in Radiestesia – Radionica – Geobiologia. Si batte per fare riconoscere l’Arte della radiestesia, come dono di Natura, e introdurlo nelle scienze ufficiali. Si definisce umoristicamente “Artigiano dell’etere”.

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


informazione pubblicitaria