Scritto domenica 11 novembre 2012

In: Fisica Quantistica | 27 Commenti

Pensare Positivo: la Terapia Giusta per Guarire da Ogni Malanno, lo dice anche la Fisica Quantistica

Da secoli la maggior parte delle persone pensa che la malattia sia una condizione indotta da fattori esterni, magari legata alla malasorte o all’azione di batteri negativi; questo sovente ci viene trasmesso dalla società, dall’educazione dei genitori e da dinamiche interattive che potremmo definire subliminali, sovente inconsapevoli.
Tuttavia la vera causa della malattia è sempre dentro di noi; è sintomatica di un malessere interiore, di un sovraffaticamento organico oppure di un eccessivo accumulo di tensioni, di stress, di energie dissonanti. In questo caso il corpo ci fornisce il segnale inequivocabile che è giunta l’ora di invertire la rotta per evitare altri guai. Dobbiamo dunque cambiare i nostri pensieri, le nostre frequenze per superare i problemi del nostro corpo.
In altre parole dobbiamo invertire i pensieri di bassa frequenza, cercare sempre nuove ragioni per essere sereni e allegri e poi, per quanto possibile, dobbiamo specchiarci e riconoscerci in un’immagine di persona sana e positiva.
L’approccio del terapeuta e della persona ammalata deve sempre essere positivo; ciò è evidenziato molto bene dalla fisica quantistica: la teoria dei Quanti, infatti, pone l’accento sulla duplice natura della materia. Essa si può manifestare sia sotto forma di energia (l’onda elettromagnetica) che come corpo fisico (la particella); fra sostanza e forma, fra energia e materia non esiste alcuna separazione.
Si rileva che la materia può essere o particella o onda dipende anche dalla visuale dell’osservatore o dell’osservante; passando per il principio d’indeterminatezza il quale dice che la materia non può essere allo stesso tempo energia o corpo fisico.
Numerosi esperimenti di fisica quantistica dimostrano che il risultato dell’esperimento è determinato da ciò che l’osservatore crede di vedere; ad esempio se l’osservatore pensa di vedere un fascio di luce vedrà un fascio di luce così come se pensa di vedere la materia vedrà la materia.
Volendo tradurre in pratica queste teorie, la visualizzazione o il pensiero di noi o dei nostri clienti guariti e sani porta a far collassare fra le infinite possibilità quantistiche del nostro futuro quella della guarigione e della salute; la volontà di visualizzazione dell’osservatore, dunque, influenza l’osservato e così se noi ci vediamo sani resteremo tali.
Allo stesso modo dobbiamo essere fortemente convinti che il nostro cliente sia sano se vorremo aiutarlo veramente a guarire e a vivere nella gioia.
Chi si approccia al cliente con un atteggiamento positivo teso alla guarigione, emette vibrazioni di benessere nei confronti del cliente, che lo aiuteranno ad allinearsi alla vibrazione di equilibrio e di guarigione necessari per superare qualsiasi malattia.
Per chi invece desidera guarire da sintomatologie di disequilibrio emozionale o da uno stato di malessere, deve avere la ferma convinzione di essere guarito e di stare bene; questo permetterà di raggiungere le vibrazioni che portano alla guarigione fisica dopo aver raggiunto la guarigione interiore.
La fisica quantistica ci dà una mano nel capire che è l’atteggiamento mentale positivo che ci aiuta a guarire e quello negativo ad ammalarci; è importante trovare dentro di noi l’energia per guarire ed essere felici.
Il pensiero che, se anche in cattiva salute, ritorneremo sani ci permette di visualizzare la nostra salute e di spingere le nostre vibrazioni verso la guarigione, eliminando anche le motivazioni che ci hanno fatto ammalare, quali ad esempio lo stress e le arrabbiature.

© 2012, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Stefano Salvaneschi


Esperto di equilibrio emozionale, di eft, di fiori di bach, di naturopatia, di reiki e pranoterapia, e di massaggi sonori con le campane tibetane, Stefano Salvaneschi offre trattamenti prevalentemente basati su queste tecniche.

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


Laura Z. ha detto:

Questo articolo fà molto riflettere, quanta gente si abbatte quando scopre di avere una malattia (grave o meno grave che sia), e qui possiamo trovare consigli per tornare ad essere positivi e cercare di guarire con l’aiuto di un professionista .. complimenti ancora!

Grazie,
l’atteggiamento mentale è indispensabile per guarire da ogni malattia :-)Stefano

Diego ha detto:

Ciao Stefano,
le tue parole sono la traslazione di un coraggio, la volontà di “scostare le tende” di ciò che è cementificato nella nostra cultura e nell’approccio al malesserere responsabilizzando l’io interiore e rendendolo quasi o in parte un deus ex machina. Quando si unisce una positività reale e convinta alla consapevolezza scientifica non si può che fare un atto di fiducia in chi, come te, si fa portavoce di tecniche psico-fisiche apparentemente nuove per la collettività, ma probabilmente radicate nell’energia universale e nello spirito dei popoli dalla notte dei tempi. La comunicazione energetica tra i corpi esiste ed è, credo, la paura del diverso che spesso ci allontana da percorrere tali sentieri. Ci hanno abituato a credere che ciò che non è giudicato corretto dalla massa non lo sia realmente. Dal tuo scritto si evince che volontà e fiducia sono gli anelli forti di una catena che ci risolleva. Fai riferimento, parlando di energia e materia, a quello che si può definire “totalità” di un organismo, dove tutto è collegato e il mondo del conscio e dell’inconscio e la realtà fisica non sono quibus a parte, ma sono strettamente uniti da un continuum relazionale. Complimenti e buon lavoro. Anzi … buona missione.

Ciao Diego,
grazie per il bellissimo commento hai perfettamente colto il senso dell’articolo, è importante trasmettere i principi che ho messo nell’articolo per far entrare nelle persone i semi di positività e di guarigione che permettano alla gente di imboccare la strada della guarigione interiore che porta alla guarigione fisica, in questo modo si scardina l’idea della divisione fra corpo e mente e l’idea della divisione del corpo in compartimenti stagni, il corpo e il nostro inconscio sono un tuttuno che interagisce.grazie:-) Stefano

MARIA ha detto:

Ciao Stefano, il tuo articolo è bellissimo e dice con parole appropriate ( che io non avrei trovato ) ciò che è in effetti il mio modo di vivere. Vedo sempre il lato positivo delle cose,difficilmente mi lascio o faccio abbattere dagli eventi.
Vorrei trasmettere questa ” filosofia” ad una mia cara amica che sta vivendo un momento bruttissimo( una figlia molto malata), ma non so come fare, è molto negativa di suo!

Ciao Maria,
per trasmettere meglio la tua filosofia stalle per quanto ti è possibile vicino in modo che le tue vibrazioni positive possano entrare in lei incominciando a scardinare la sua negatività, falle invertire i pensieri negativi con una battuta, un bel ricordo, falla ridere, poi poco per volta puoi farle conoscere tecniche di rilascio emozionale che la puliscano da queste emozioni negative e facciano emergere le emozioni positive. tienimi aggiornato un abbraccio Stefano

L’articolo è molto ben scritto e le tematiche sono di sicuro interessanti. Al di là di come ci si possa approcciare a questa medicina o terapia non convenzionale,penso che molte cose siano constatabili in maniera più che concreta e oggettiva con patologie molto diffuse(ad es. la psioriasi). L’interazione animo-corpo è probabilmente l’essenza stessa dell’uomo e sarebbe fantastico riuscire a trovare dentro noi stessi le risorse per guarire.

ciao Alessandro,
è proprio dentro noi stessi che dobbiamo cercare le energie per l’autoguarigione orientando i nostri pensieri verso la guarigione e il benessere psicofisico che è il primo passo per ottenere la guarigione del nostro corpo e il nostro benessere psicofisico.:-) Stefano

Francesca ha detto:

Un gran articolo!!!

Ciao,
grazie per il complimento, cosa ti è piaciuto e cosa ti interessa in particolare nell’articolo. grazie 🙂

Il Tuo Nome... ha detto:

E Molto interessante il fatto che pensare positivo aiuta a stare bene ,molte volte ci lasciamo caricare da tutti i nostri problemi stress , stanchezza che nuociamo la nostra salute bisognerebbe vivere più sereni senza pensare a tutte le malattie che ci sono al mondo è che forse possono essere causate da non stessi !

Ciao,
ottima osservazione, evitando di pensare alle malattie ci evitiamo di entrare nella frequenze delle stesse e quindi di ammalarci, bisogna quindi pensare di avere sempre un corpo sano per stare sempre nella vibrazione della salute.:-)Stefano

Guidonzolo ha detto:

È tutto vero ciò che dici, se si è positivi e scocciamo dalla nostra mente i nostri pensieri, tutto nella nostra vita sarà più bello e sorridente. Grazie dottore Stefano.

Ciao Giudonzolo :-),
hai ragione pensare positivo è la base per vivere meglio e più sereni, ma questo non solo nel campo della salute, ma in tutti i campi se hai pensieri negativi cerca sempre di invertirli in positivi.
🙂

Letizia ha detto:

ciao stefano,hai scritto un’articolo di grande riflessione e profonda.magari usassero tutti questa radice vera per trattare i malatti, dove non si scopre l’acqua calda ma riconoscere le potenzialità della nostra mente, e quanto influenza sulla malattia, ma oggi iniziamo noi futuri naturopati a far vibrare questa calda natura, per poi risvegliare anche i cuori degli altri. bravo tanta luce

Ciao Letizia,
grazie per le tue belle parole, la nostra professione ci deve proprio portare ha lavorare per il benessere del malato, partendo proprio dalla ricerca della giusta vibrazione che porta il nostro cliente a vibrare sulle frequenze che lo faranno guarire. grazie per il tuo contrbuto. 🙂

Alessandro ha detto:

Molto interessanti i temi trattati che andrebbero approfonditi tutti nello specifico. Complimenti.

Ciao Alessandro,
grazie i temi dell’articolo sono molti e andrebbero affrontati uno alla volta, a te quale piu interessa può essere lo spunto per un articolo successivo.grazie 🙂

michela ha detto:

il più bell’articolo che abbia mai letto.
molto veritiero!!
COMPLIMENTI!!!!

ciao michela,
grazie per il complimento cosa ti ha colpito maggiormente così lo approfondiamo.grazie Stefano 🙂

federica ha detto:

bravo ste il tuo articolo è molto interessante

Ciao Federica,
grazie cosa ti interessa di piu nell’articolo che magari in prossimi articoli lo approfondiamo :-)Stefano

marco ha detto:

è proprio vero dovremmo riflettere di più sul potere dei nostri pensieri….molto interessante questa conferma che viene dalla fisica quantistica.

Ciao Marco,
la fisica quantistica ci sta proprio dando spiegazioni fisiche alle teorie che nella storia hanno sempre potarto alle guarigioni nella varie popolazioni, mi piace ricordare la concezione taoista del silenzio del cuore del medico che doveva con la sua vibrazione portare il silenzio nel cuore del paziente per fagli ritrovare la strada della guarigione.
Grazie 🙂 Stefano

Flavia Vallarin ha detto:

La malattia puó addirittura essere considerata un alleata che ci indica la perduta connessione con il nostro se più profondo. Essa non è la causa del nostro malessere, ma l’effetto. Aiutare il cliente nella comprensione delle vere cause è il compito del terapeuta. Grazie Stefano, per aver offerto questi spunti di riflessione.

Ciao Flavia,
bella la tua riflessione, la malattia molte volte può essere un segnale che stiamo correndo troppo come ad esempio la pressione alta che ci stiamo allontanando dalla nostra via e questi segnali dobbiamo leggerli per cambiare strada e tornare al nostro equilibrio psicofisico grazie 🙂