Scritto martedì 11 novembre 2014

Big Bang e Origine della Vita: Quando certe Bufale diventano “Scienza”.

Big-bang: bufala o scienza?

Sul Corriere della Sera del 3 ottobre 2012, in un articolo interno a piena pagina dal titolo Lo studio sulle origini: «La vita sulla Terra portata da meteoriti, si è parlato della notizia che “durante il Congresso europeo di scienza planetaria, tenutosi a Madrid, un gruppo di astrofisici dell’Università di Princeton, dell’Università dell’Arizona e del Centro spagnolo di astrobiologia ha presentato una scoperta che possiamo veramente considerare rivoluzionaria.  Microorganismi trasportati sulla Terra da frammenti di meteoriti provenienti da altri pianeti possono essere stati il germe primigenio della vita sul nostro pianeta.”

Ancora una volta, abbiamo conferme sul modo di procedere della scienza ufficiale e soprattutto della divulgazione scientifica: una “scoperta” del genere è stata presentata al pubblico come “nuova e rivoluzionaria” (ma naturalmente “avrà bisogno di conferme”). Ricordo perfettamente di avere letto una trentina di anni fa un libro di Fred Hoyle, noto astrofisico e cosmologo inglese, in cui era dettagliatamente spiegato che la Vita, sotto forma di microorganismi, può viaggiare negli spazi cosmici e trasferirsi da un sistema planetario ad un altro, naturalmente con la scala dei tempi astronomica, non quella umana.

Già, ma Fred Hoyle è stato sempre considerato uno scienziato “non convenzionale”, capace di mettere in dubbio le “teorie accertate” e il “sapere consolidato”: non era convinto del Big Bang! Tra l’altro, la teoria del Big Bang non era molto simpatica neppure a scienziati del calibro di Dennis Sciama. Mi sono poi divertito ad andare a cercare un altro articolo: E’ italiana la smentita del big bang di Pasquale Galianni (Leggi qui l’articolo). Neanche una osservazione sul campo può scalfire le “certezze” consolidate, alla faccia del metodo scientifico!

Forse era meglio non parlare troppo di Hoyle: il pubblico deve considerare certo il Big Bang, che è diventato un paradigma entro cui inserire tutte le osservazioni astronomiche, forse perché è compatibile con l’idea di una “Creazione” del tipo che fa da sottofondo alle religioni abramitiche. Inoltre fa pubblicità anche all’espansione, tanto gradita alla nostra civiltà attuale (ma sto quasi scherzando).

In sostanza, sembra che al pubblico debba essere fornita qualche certezza, soprattutto se compatibile con il sottofondo della cultura giudaico-cristiana-islamica.

Certo, con la teoria della “creazione continua”, detta anche dello “stato stazionario”, cioè di un Universo che non ha inizio né fine, è più difficile pensare a un Dio esterno che “crea” e a una “fine dei tempi”. In un articolo che riportava una intervista a Fred Hoyle di circa 40 anni orsono, ho trovato questa affermazione dello scienziato inglese:

Credo che vi sia un’Intelligenza nell’Universo. Badi, ho detto nell’Universo. L’idea giudaico-cristiana è quella di un Dio che, dal di fuori, fabbrica l’Universo come si fabbrica un oggetto in uno stabilimento. E’ un’idea che non mi attira. Io penso che l’Intelligenza sia nell’Universo. Che sia l’Universo.                                                 

© 2014, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Guido Dalla Casa


Guido Dalla Casa è nato nel 1936 a Bologna, dove ha frequentato il Liceo Scientifico e si è laureato in Ingegneria Elettrotecnica. Dal 1959 al 1997 ha svolto l’attività di dirigente dell’ENEL nelle aree tecnica e commerciale della distribuzione, nelle sedi di Torino, Vercelli, Milano e Brescia. Ora vive a Milano, dove fa parte del Gruppo Ecologia ed Energia dell’ALDAI. Dal 1970 circa si interessa di filosofia dell’ecologia e di filosofie orientali e native. E’ docente di Ecologia Interculturale presso la Scuola Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa di Rimini (Università di Urbino). Tiene corsi di Scienze Naturali ed Ecologia Profonda come docente volontario alla UNITRE di Saronno e in altre UNITRE dell’area milanese. Ha pubblicato alcuni libri: L’ultima scimmia (1975) per la Casa Editrice MEB, Ecologia Profonda (1996) per l’Editrice Pangea, Inversione di rotta (2008) per Il Segnalibro, L’ecologia profonda. Lineamenti per una nuova visione del mondo (2008) e Guida alla sopravvivenza (2010) per Arianna, Ambiente: Codice Rosso (2011) per l’Editrice Jouvence, oltre a numerosi articoli su varie Riviste, quasi tutti su argomenti di ecologia profonda.

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


informazione pubblicitaria