Scritto giovedì 15 maggio 2014

In: Fisica Quantistica | Nessun Commento

Paradigmi Quantistici

quantisticaL’evoluzione della fisica sta portando a scoperte a dir poco sconcertanti, in grado quasi di spiegare scientificamente la coscienza generando così nuovi paradigmi fino a qualche tempo fa impensabili. Queste scoperte ci hanno portato a capire l’effetto della volontà umana sul mondo fisico, l’influenza che l’uomo ha sulla realtà e sulle vicende che accadono. È stato infatti scientificamente provato che l’intenzione e la coscenza umana sono realmente in grado di influenzare la realtà circostante: addirittura il nostro DNA ha il potere di modificare fisicamente le cose.

Le rivelazioni della meccanica quantistica hanno aperto nuove strade su una sempre più profonda conoscenza dell’uomo, della sua coscienza e dei “meccanismi” interiori che intervengono dentro di  noi, partendo dall’interpretazione della realtà che ci circonda. Nel suo libro Il Tao della fisica, edito da Adelphi, il fisico Fritjof Capra scrive: «I concetti della fisica moderna presentano spesso una sorprendente corrispondenza con le idee espresse nelle filosofie religiose, in particolar modo quelle orientali. Queste, inizialmente, furono rilevate da alcuni grandi fisici quando vennero in contatto con le culture orientali nei loro giri di conferenze in India, Giappone e Cina.» Ancora, Werner Karl Heisenberg (uno di questi fisici) dichiarò: «Il grande contributo scientifico alla fisica teorica venuto dal Giappone dopo l’ultima guerra può essere un indice dell’esistenza d’un certo rapporto tra le idee filosofiche delle tradizioni orientali e la sostanza filosofica della teoria dei quanti.»

Di sicuro molti degli studi ed esperimenti che sono tuttora in corso sono incentrati sulla ricerca di una verità più sottile rispetto a quella a cui siamo abituati. È una verità che arriva a spiegare fisicamente la struttura delle emozioni, dei pensieri, della nostra mente, partendo dall’interpretazione della realtà che ci circonda.

L’incredibile somiglianza della fisica con le filosofie religiose, in termini di misticismo, meditazione o preghiera, ci conduce su un sentiero molto più elevato della solita materialità fisica, nel senso più stretto del termine, al quale siamo abituati. Molte teorie della fisica, infatti, sembrano riprendere dei concetti che diverse religioni esprimono dalla notte dei tempi. Un esempio eclatante è quello dell’unione delle cose: in tutte le culture mistiche e religiose viene espresso il fatto che ogni cosa sia legata a un’altra, dagli eventi alle persone. L’essenza di queste filosofie è la consapevolezza dell’unità e della interrelazione tra tutte le cose.

Una delle più importanti rivelazioni della fisica moderna è, incredibilmente, che tutta la materia, indipendentemente dallo spazio che la separa, è costantemente collegata e unita nel vero senso della parola. E più osserviamo il mondo micro fino al subatomico (ossia le particelle più piccole dell’atomo) e più questo legame è evidente. Pare dunque che qualsiasi strada si possa percorrere, che sia scientifica o religiosa, conduca a una meta comune: un livello di consapevolezza superiore.

Se la meccanica quantistica arriva a esprimere la realtà in funzioni di probabilità, le nuove discipline dell’atteggiamento come le Dinamiche di Flusso ad esempio, applicano questi criteri all’uomo e alla realizzazione degli eventi che possono accadere, ragionando in termini di eventi probabili e sincronicità. Nel mare delle infinite possibilità che un evento possa avvenire in modi diversi, la fisica ci esprime il fatto che il passaggio da possibile a probabile è dipeso da noi.

Fonte “La fisica della mente” di Luca Clun

© 2014, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Luca Clun


Formatore, Life coach, autore. La sua carriera inizia come commerciale, cominciando così a relazionarsi con le persone anche per lavoro, e a soli 23 anni gestisce gruppi orientati alla vendita. Da qui la sua curiosità lo porta ad approfondire tutte le tematiche legate alla comunicazione e all’atteggiamento. Si forma con Antony Robbins, Roberto Re, Alessio Roberti, e frequenta corsi con Dale Carnegie italy, Ultramind sistem e NLP Italy, scuola ufficiale fondata da Richard Bandler co-ideatore della PNL, conseguendo i riconoscimenti internazionali di PNL Pratictioner, PNL Master Pratictioner e Life Coach Professionista. Oltre alla PNL, ha approfondito tematiche come Analisi Transazionale e Dinamiche Cognitivo-Comportamentali che utilizza nel training e nel coaching. La sua passione per l’inconscio e lo sconosciuto avvicinano Luca alla meccanica quantistica, ed è subito Amore. Anche qui approfondisce le tematiche inerenti alla “nuova fisica” formandosi con i “guru” della materia Gregg Bradden e Bruce Lipton, approfondendo lo studio della fisica come processo scientifico di crescita. Negli anni ha ideato la PNQ, strumento e disciplina di comunicazione che unisce i principi della meccanica quantistica e della PNL creando un modello d’atteggiamento molto potente. Co-docente dell’organizzazione meta-apprendimento dove insegna strategie di memoria e lettura veloce, è trainer in corsi che riguardano comunicazione, potere personale e cambiamento, vendita, sviluppo di team, obiettivi, PNL e PNQ. Nei suoi libri La fisica della mente e La fisica del cambiamento, introduce la materia sviluppando due modelli comportamentali chiamati QUANT e STATE. Sperimentatore, collaudatore e ricercatore delle vie di comunicazione più efficaci, Luca ha orientato la sua vita alla crescita personale sua e delle persone che lo circondano. La sua formazione è in continuo sviluppo, credendo fermamente che la meta della crescita personale è di fatto il cammino stesso. Comunicatore, autoironico, creativo, autoanalitico, dinamico prende la vita con spirito d’avventura e di scoperta continua.

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


informazione pubblicitaria