Scritto lunedì 15 maggio 2017

In: Tecnologie | Nessun Commento

Come si creano i Programmi Neuroacustici: la storia dell’Ottava Cosmica raccontata dal suo autore

(articolo scritto dal ricercatore russo Lenni Rossolovsky – traduzione di Olga Samarina)

Introduzione: 

Dopo il grande successo del suo canale youtube in Russia (circa 95 mila iscritti) e moltissime recensioni positive sparse per il web,  Lenni Rossolovskyi apre in Italia L’Advanced Mind Institute  nel 2014, che tuttora è uno fra i punti di riferimento per quanto riguarda la neuroacustica. Lì potete trovare tutte le meditazioni create dal ricercatore russo, articoli, approfondimenti e tanto altro.

Lenny Rossolovsky non ama in genere parlare di se, ma a suo tempo ebbe la straordinaria possibilità di guarire completamente grazie ai programmi neuroacustici, ed essendo già un esperto meditatore, dedicò la sua vita allo studio dei testi scientifici e delle tecnologie del suono, creandone in seguito delle proprie, molto efficaci.

I suoi programmi meditativi  o meditazioni neuroacustiche, uniscono l’esperienza scientifica dei neurofisiologi di tutto il mondo, il suo genio personale e l’immancabile spiritualità dei ricercatori russi. 

I programmi meditativi sono capaci di migliorare lo stato di salute delle persone, il sonno, il funzionamento  dei vari sistemi fisiologici, la concentrazione e le capacità cognitive, nonché di eliminare lo stress.  Nei programmi si usano dei meccanismi della stimolazione con le onde beta, alfa, theta, gamma, epsilon. 

Qui di seguito vi propongo un articolo/intervista con Lenni Rossolovsky, dove spiega come è nata, come è stata creata la meditazione neuroacustica dell’ OTTAVA COSMICA, uno dei programmi di riferimento: include ben 7 meditazioni, ognuna delle quali è sintonizzata sulle frequenze di un pianeta o di un corpo celeste.

Alla sua base ci sono delle antiche conoscenze sulle Ore Planetarie. conoscenze alle quali, per millenni, soltanto degli iniziati avevano l’accesso.

Il programma è destinato per la sintonizzazione della coscienza sui ritmi cosmici; come si sa, tutto ciò che succede sulla Terra li riflette; viviamo in un oceano cosmico che influenza immensamente tutti i processi che si svolgono sulla Terra.

D: Lenni, hai finalmente terminato il tuo lavoro su l’Ottava Cosmica, quanto ci è voluto?

R: Il lavoro sul programma è durato 9 mesi, e finalmente è terminato. Dirò senza falsa modestia: è l’unico nel suo genere, non nel mondo non esistono i suoi analoghi. Non è una pubblicità, o un’“auto pubblicità”, è la verità.

D: Che tipo d programma è, qual è la sua storia?

R: Alla sua base ci sono delle ricerche di alcuni studiosi neuro-acustici, e, in particolare, del prof. Takahashi che fece una meravigliosa scoperta rimasta sconosciuta al vasto pubblico.

Facendo degli elettroencefalogrammi (EEG) alle persone che eseguivano varie pratiche religiose, Takahashi aveva capito questo: i dati degli EEG permettono sempre di capire se una persona segue o no una pratica religiosa, ma non è possibile distinguere il tipo di pratica che si fa. Per la neurofisiologia, c’è una differenza tra un credente e un ateo, ma è impossibile distinguere tra un cristiano e un buddista, o tra un musulmano e un ebreo.

Tutti quanti presentano un’attività theta marcata, nella banda 7-8 Hz. L’ampiezza più marcata dei ritmi theta si osserva anche nei guaritori, negli sciamani, nei seguaci dei culti orientali e in tutti quanti che seguono la via dello sviluppo spirituale.

Già tempo fa ebbi un’idea: e se facessi un programma che sintonizzi il cervello su questi ritmi, i ritmi che aiutano le persone ad ottenere uno stato che distingue i veri credenti e ricercatori spirituali?

Non era un progetto semplice. Ogni religione possiede i propri rituali, gli orari delle messe, e le ore particolari per eseguire delle preghiere.

Cercai a lungo la risposta, ma senza risultato, finché non cominciai a studiare il sistema delle ore planetarie.

Questo sistema unisce molte religioni, perché qualsiasi rituale avviene negli orari prestabiliti che tengono conto dell’influenza dei corpi celesti su tutto ciò che vive.
Le mie ricerche mi condussero in un laboratorio, sito nella città di Tomsk, dove avviene la misurazione, in tempo reale, dei vari parametri, comprese la frequenza e l’ampiezza della risonanza di Shumann.

Iniziai a fare degli EEG in diverse ore del giorno, tagliando fuori tutte le frequenze tranne il “corridoio” 7-9 Hz, per poi comparare i dati medi con le frequenze della risonanza di Shumann.

Non potei non notare la coincidenza della frequenza e dell’ampiezza della risonanza di Shumann e dei ritmi e delle frequenze cerebrali nella banda theta. E non avevo dubbi: i dati medi coincidevano.

L’antica mistica delle ore planetarie è confermata dalla scienza!

Ma dovevo trovare un meccanismo che potesse permettere la sintonizzazione su questa frequenza.

D: E non andava bene la meditazione in frequenze Theta?

R: No, la solita meditazione theta non andava bene; ha delle frequenze fisse, mentre la frequenza di Schumann cambia nel corso della giornata; ovvero, non coincide mai con la frequenza standard 7.83 Hz usata in tutti i programmi meditativi del mondo.

Questa frequenza è diventata canonica e, in maggioranza dei casi, fa il suo lavoro. Io però avevo bisogno di una sintonizzazione precisa sulla frequenza della risonanza di Schumann durante la meditazione.

I mesi degli esperimenti non portarono, dapprima, ad alcun risultato. Non riuscivo a sintonizzare il cervello sulla frequenza di Schumann reale, non ipotetica. Finché non scoprii l’uso delle frequenze – scansione, o “galleggianti”.

Se volete un’analogia, immaginate una stazione radio che cambia continuamente le frequenze sulle quali trasmette. Non potete sintonizzare la radio su una certa frequenza e poi aspettare di sentire la vostra stazione; ascoltereste il silenzio.

Molti ricevitori ad onde ultracorte possiedono la funzione “ricerca”, fanno una scansione di tutte la bande ultracorte e si sintonizzano su una certa stazione.

Eureka!

E se facessimo lo stesso con il cervello?

PRE- ASCOLTA E ACQUISTA l’OTTAVA COSMICA – in offerta a metà prezzo per tutti i lettori di Quantic Magazine

 

D: Come è proseguito il tuo lavoro?

R: Cominciai a sperimentare con le frequenze variabili e a creare dei programmi (“scan”) dove le frequenze cambiavano ogni 2 secondi, un po’ come in quelle radio. Impostavo il programma – sintetizzatore non su una certa frequenza, bensì su una banda di frequenze, e inviavo il comando della ricerca.

D: Cosa hai scoperto?

R: Uscì fuori una cosa molto interessante.

Il cervello stimolato dalle frequenze variabili si sintonizzava da solo sul valore reale della frequenza di Schumann e rimaneva così per 20-30 secondi, e questo è molto; nel frattempo si preparava a sintonizzarsi di nuovo sulla frequenza portante, allineandosi con la biorisonanza planetaria. Ora mi rimaneva di capire come si poteva sintonizzarsi sulle frequenze delle ore planetarie.

D: Sorsero delle altre difficoltà per la messa a punto dell’Ottava Cosmica?

Si, certo!  Ad esempio, come stabilire la frequenza di una certa ora planetaria? Ci saranno state delle ricerche su questo argomento? Dove potevo prendere i dati?

Nel corso delle ricerche, la mia attenzione fu attirata dai diapason che i guaritori usano per lavorare con i chakra. Ecco, ogni pianeta corrisponde ad un certo chakra, maggiormente attivo in quel momento.

Seguirono altre ricerche, la lettura di una montagna di opere pubblicate, delle recensioni, le consultazioni con i colleghi, e finalmente, le frequenze portanti per tutte le ore planetarie furono trovate.

Ora dovevo trasformare tutto ciò nel suono.

Ma anche questo non fu facile: si doveva lavorare con una certa frequenza solo nella rispettiva ora planetaria (per evitare l’influenza indesiderata di un altro pianeta), e inoltre, si doveva sintonizzare i programmi su frequenze stabilite.

Così, potevo lavorare sulla creazione per esempio, dell’”Ora di Venere”, solo con l’arrivo dell’ora di Venere.

Poco alla volta il programma acquistò il suono; cominciai a testarlo e ricevetti dei risultati straordinari; posso solo dire che superarono ogni mia aspettativa.

D: Quando il programma è stato reso disponibile per gli utenti?

R: Venerdì 3 aprile 2015 il programma è stato pubblicato sul sito dell’Advanced Mind Institute. Il programma unico della biorisonanza planetaria iniziò a vivere la propria vita, come un essere vivente. Ora la si può utilizzare per sintonizzarsi su qualsiasi ora planetaria, e per la sintonizzazione del corpo e della coscienza, a scopo curativo (non vi meravigliate, è così).

D: Perchè le ore planetarie  sono così importanti?

Il fatto è che ciascun’ora planetaria attiva un certo centro energetico umano ed è meglio di tutto lavorare con questo centro nelle ore prestabilite. Per esempio, si raccomanda di lavorare, nelle ore della Luna, con il sistema linfatico, con gli organi genitali femminili ecc. L’informazione più dettagliata su questi problemi sarà fornita sul forum dell’Istituto e anche nella pagina Facebook di riferimento.

D: Un altro punto saliente de l’Ottava Cosmica?

Beh, un altra particolarità è la possibilità di effettuare le meditazioni collettive. Avevamo fatto molte meditazioni collettive, tra i nostri utenti, e abbiamo visto che funzionano.

Con questo programma non c’è più bisogno di collegarsi, accordarsi sulle ore, sentirsi su Skype ecc., basta scegliere una certa ora, trovare il pianeta che la governa e accendere il programma.

E’ un inizio. Presto potrete capire che il programma è capace di cambiare molte cose nella vostra vita. Non ne parlerò, ma ascolterò le vostre testimonianze!.”

PRE- ASCOLTA E ACQUISTA l’OTTAVA COSMICA – in offerta a metà prezzo per tutti i lettori di Quantic Magazine

 

Per maggiori info sulle Meditazioni Neuroacustiche leggi anche:

© 2017, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Olga Samarina


Olga Samarina è nata nella Russia meridionale, vive in Italia da oltre 27 anni. E’ laureata in Storia e diplomata in lingua italiana (nel suo paese d’origine); è radioestesista, operatrice radionica e divulgatrice delle tecniche vibrazionali russe. E' una fra le pochissime persone in Italia a divulgare e tradurre dal cirillico informazioni dal fervente mondo olistico russo, altrimenti sconosciute in Italia. Il suo blog è dedicato a quelle tecniche russe che non hanno ancora avuto una vasta diffusione al di fuori della Russia: http://radionicaesoterico-scientificarussa.blogspot.it E' anche la referente dell' Advanced Mind Institute, che divulga le tecniche e le meditazioni neuroacustiche di Lenny Rossovolosky.

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


informazione pubblicitaria