Scritto domenica 17 novembre 2013

In: Esperienze | 7 Commenti

Quando l’ Avatar discende sulla Terra | Sri Sathya Sai Baba

Ogni volta che in un luogo dell’universo la religione declina e l’irreligione avanza, o discendente di Bharata, Io vengo in persona. Discendo di era in era per liberare le persone pie, per annientare i miscredenti e ristabilire i princìpi della religione.” | tratto dalla Bagavat Gita – Capitolo 4

 

La Nascita divina di  Satyanaryan Raju (1926-2011) è avvenuta a Puttaparthi, nell’Andra Pradesh (India del Sud) il 23 novembre 1926. A quattordici anni entra in uno stato di esaltazione al termine del quale, il 23 maggio 1940, annuncia di fronte allo stupore e alla incredulità’ di molti presenti  “Io Sono Sai Baba”, assumendo lo stesso nome di un santo asceta musulmano, Sai Baba di Shirdi (1856-1918). Da allora comincia a raccogliere i primi devoti soprattutto indiani  in un piccolo ashram, che oggi con il nome di Prashanti Nilayam è diventata una parte a se del villaggio di Puttaparthi  situato nel deserto del Deccan nel centro sud dell’ India.
Il mistero della nascita di un Avatar e’ difficilmente compreso dalla maggioranza delle persone. Una discesa divina sulla terra è sempre accompagnata da eventi prodigiosi e segni sacri, decifrabili all’ inizio solo dalle anime pronte e chiamate a questo compito. Un Avatar discende sempre accompagnato da grandi anime e da molti suoi Deva o angeli che si incarnano con Lui  non sempre nello stesso momento, alcuni prima, per preparare la Sua Discesa, altri dopo per continuare e diffondere il Suo Messaggio Sacro  e lo supportano nella Sua Grande Missione. Sri Sathya Sai Baba e’ definito un Poorna Avatar, che significa completo e dotato di tutti i poteri o siddhi che devono accompagnare ogni Vero Avatar. Noi fedeli consideriamo Sathya Sai Baba un Avatar integrale completo e dotato di tutte le siddhi (purnavatar), come Krishna; la storia è stata anche percorsa da amshavatara avatar,  tra cui Gesù Cristo, Ramakrishna e Aurobindo. Contrariamente ad altri maestri indiani – che considerano i miracoli come appartenenti a una sfera inferiore – Sathya Sai Baba affida la prova del suo Essere Avatar pienamente  ai segni straordinari o siddhi. Offre ai suoi devoti  ogni sorta di miracoli,  nella sfera  psichica (chiaroveggenza, profezie, apparizioni a migliaia di chilometri di distanza), sia nel regno fisico. Dalle mani del maestro esce ogni giorno una cenere sacra (vibhuti) cui sono attribuite proprietà miracolose. Il maestro è inoltre ritenuto capace di “materializzare” oggetti di ogni genere: statuette rappresentanti varie forme di Dio, anelli d’oro,fotografie, pietre preziose come nel mio caso, perle e altro che cadono dall’alto in forma di sfera di luce e si materializzano sui miei vestiti dopo meditazioni profonde o preghiere e davanti a testimoni oculari, presenti con me. Eccezionale  l’emissione dalla Sua Bocca e a volte dalle Sue Mani del  il LINGAM  sacro o uovo cosmico primordiale hiranyangarbha simbolo del Signore Shiva, il Dio della distruzione – trasformazione, il distruttore di tamas o ignoranza, evento molto importante che Lui manifesta nella notte di Siva o Mahasivaratri.
Swami  è stato visto trasformare sabbia in un volume della Bhagavad Gita, sassi in caramelle, fiori in diamanti, anelli da lui prodotti per un devoto trasformati nella forma mediante un semplice soffio, e soprattutto la Sacra Vibouthi, la famosa cenere sacra che esce dalle Sue Mani per curare tutte le malattie sia del corpo che dell’ anima, che anch’ io ricevetti fatta da Lui solo per me e che ritrovai anche anni fa un giorno nella mia casa sopra una sua foto,  improvvisamente davanti ai miei occhi si riempi tutta di fiori di vibouthi  finissima e profumata; una foto che conserviamo ancora in una teca nella casa in italia. Il Suo grande potere  di resuscitare alcune persone e guarire istantaneamente malati terminali e di ogni genere di malattia, definita dalla scienza “inguaribile”.
Al di là dei “miracoli” – che, come è inevitabile, rendono Sai Baba molto conosciuto in tutto il mondo, ma   allo stesso tempo impopolare e anche  criticato, il  Suo movimento spirituale,  nato intorno a Lui e i suoi insegnamenti profondi,  insiste sul superamento  dell’ ego individuale per l’ universale e quindi trasformare  la nostra visione duale, nella visione unitaria Senza Forma, in cui tutto e’ Uno e Dio vive in noi e ovunque.
Cercare nel nostro Tempio interiore la nostra dimenticata Divina Realtà,  come il burro e’ nascosto nel latte, zangolando la nostra personalità frontale che vive nell’ illusione della separazione per trovare il burro dell’ Io Sono Dio.
I Suoi insegnamenti universali e non dogmatici, ci mostrano quindi la Via per  un umanità’ finalmente unita da un unico Dio che può’ assumere ogni forma da lui voluta dal suo Sankalpa o volizione divina;che esiste una sola casta, quella dell’ Umanitaà, un solo Dio onnipresente ed onnisciente, Una sola Religione, quella dell’ Amore puro o Prema; che un cuore diviso non potrà mai vedere Dio, solo nell’ Unita’ e nella vera Fratellaza Compassionevole tra gli uomini, potremo Creare una nuova Terra, un Paradiso perduto e sognato da tanto, e un Eta’ nuova di Concordia, Amore e Verita’.  
(Offerto ai Piedi di Loto del mio Amato Maestro Baba…jay Sai Ram…)

© 2013, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Tullia Parvathi Kalindi Turazzi


Nata a Monza provincia di Milano il 10 agosto nella bellissima e magica notte di San Lorenzo. Ha frequentato il liceo Artistico di Brera, diplomata in grafica pubblicitaria, studia da autodidatta dall' eta' di diciotto anni : psicologia e religioni antiche, simbolismo e arte. Studi di danza moderna e pattinaggio artistico. Curiosa estroversa, interessata alla fisica quantistica e aperta a tutto cio che e' nuovo. Spirituale ma concreta. Fin da piccolissima manifestava straordinari poteri di obe , visioni astrali e precognizioni.Studiosa di astrologia, esperta di cing e tarocchi. Conobbe il suo primo maestro vivente a 33 anni. M.R. che la inizio” alle misteriose vie dell Essere. . Divenne Master reiki usui e karuna, le prime iniziazioni in italia e il master in india, dove vive attualmente, spostandomi dalla citta di Bangalore al villaggio sacro di Puttaparthi e altre citta' sacre indiane. In India dopo un incontro astrale con il Maestro,ebbe la fortuna e la grande benedizione di conoscere ed incontrare fisicamente l Avatar di questo Kali Yuga SRI SRI SATHYA SAI BABA... Un esperienza che da sola merita un libro.che infatti sta ultimando. Ebbe il primo nirvikalpa samadhi a 29 anni, fu un esperienza improvvisa, illuminazione istantanea e intensa che cambio radicalmente le sue credenze e percezioni. Contatta da sempre i fratelli galattici in un contatto continuo sia fisico che sottile, viaggia in astronave fino ad arrivare all' incontro fisico in carne ed ossa nele strade di Puttaparthi con l' arcangelo Michele e con l' arcangelo Raffaele detto Ramu, lo stesso equipaggio dei contattisti Giorgio Dibitonto e Adamsky, raccontato in un suo bellissimo video youtube, Scrive per la rivista Runabianca e vari altri blog, radio private e altro.Concede interviste gratuite e rare e particolari Iniziazioni non solo reiki, ma personali..un prezioso e particolare potere datole in dono del Suo Amato Maestro Sai Baba, iniziazione he dona con amore alle anime che sente pronte, il tutto sempre sotto la guida amorevole dei Maestri. Prosegue il suo percorso seguendo i vari insegnamenti AMA TUTTI E SERVI TUTTI...il suo percorso umano e spirituale continua, Servire la Luce e la Nuova Era l' unico motivo per cui si e' incarnata, legata ai sistemi stellari di Sirio A e Venere, viaggia in astrale a Shamballah, di cui racconta le meraviglie e gli insegnamenti ricevuti, nei suoi racconti, sta per pubblicare il suo primo libro, Il GIARDINO DEGLI SPECCHI a novembre 2014 lo trovate su tutti i cataloghi online di libri o a richiesta nelle librerie.Procede sempre con rinnovato entusiamo e gioia interiore nel servizio e nella ricerca perche' non c' e limite alla bellezza e alla meraviglia della Rivelazione.

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


informazione pubblicitaria