Scritto mercoledì 20 marzo 2013

In: Esperienze | Nessun Commento

Fiducia

Dal 2 al 3 Marzo 2013 abbiamo partecipato alla fiera del Benessere Corpo-Mente-Spirito di Udine.

Alcuni mesi prima, per una “coincidenza”, abbiamo conosciuto Francesco, uno degli organizzatori della Fiera, al quale è piaciuta la nostra filosofia e ci ha invitato a tenere una conferenza e ad essere presenti, nella parte dedicata allo Spirito, con il nostro Stand.

Noi siamo di Aosta e Udine è 550 km più a Est. Far conoscere Thanks Attitude per noi è molto importante ma, siccome ci auto-sovvenzioniamo al 100%, la trasferta rappresentava un discreto impegno economico. Ma il nostro cuore ci diceva di andare e così abbiamo accettato.

Gli accordi erano che non avremmo dovuto portare nulla per allestire lo Stand perchè l’organizzazione della Fiera ci avrebbe fornito un tavolo su cui appoggiare i nostri prodotti e due sedie … non ci serviva altro !

“Purtroppo”, quando siamo arrivati al “Padiglione dello Spirito”, ci attendeva una sorpresa: non erano disponibili ne il tavolo ne le sedie. Inoltre, il posto che ci avevano assegnato, si trovava sotto le scale che portavano al primo piano del Padiglione, non c’erano luci e le pareti di tutto il Padiglione erano dipinte di nero.

Per completare il bel quadretto, in mezzo allo spazio per lo Stand, c’era una colonna, anch’essa nera, che serviva per sorreggere le scale e nel punto più basso del sotto-scala, erano ammonticchiati diversi scatoloni semi-aperti con delle riviste che ne fuoriuscivano. Con Mar ci siamo guardati negli occhi e, dopo un primo momento di smarrimento e di sconforto, ci siamo detti “Ci sarà un motivo e sarà buono”.

Ci siamo messi alla ricerca di qualcosa su cui appoggiare i nostri prodotti e Francesco è riuscito a procurarci dei parallelepipedi di legno (anch’essi dipinti di nero … va bè che il nero va con tutto però qui si esagera 🙂 )di diverse dimensioni così, mentre io iniziavo a tappezzare la colonna nera con degli adesivi Thaatt color Fucsia, Mar è andata al vicino Centro Commerciale a cercare qualcosa con cui riuscire a coprire e abbellire i neri parallelepipedi.

Dopo quasi tre quarti d’ora era di ritorno con 6 teli in pile di diversi colori. Nel frattempo la gente iniziava ad entrare nel padiglione e il nostro Stand era praticamente l’unico ancora da allestire.

Di nuovo ci siamo scambiati uno sguardo del tipo “NIENTE PANICO !”, abbiamo continuato a lavorare e dopo un tempo che ci è sembrato lunghissimo (anche se, di fatto, erano trascorse solo due ore da quando eravamo arrivati al padiglione), lo Stand era finalmente pronto ed abbiamo tirato un sospiro di sollievo.

A quel punto, poco a poco, ci siamo accorti della fortuna che avevamo avuto ! Ebbene sì … quelli che sembravano dei difetti si sono trasformati in pregi:

– Lo Stand era di fatto posizionato in un punto dal quale passavano TUTTI i visitatori che entravano nel padiglione (altri Stands, più illuminati e in posizioni più “ambite”, non avevano lo stesso vantaggio).

– La colonna nera, ora completamente rivestita di adesivi fucsia, era diventata una sorta di “Faro per Visitatori” e tutte le persone che entravano ne erano incuriosite

– I teli di pile appena comperati (oltre tutto anche in offerta), erano di colori sgargianti e il nostro Stand era coloratissimo ed in netto contrasto con gli altri Stand dai colori più “soft”

– Gli scatoloni semi-aperti non contenevano delle riviste, come ci era sembrato a prima vista, ma delle brochures che servivano a pubblicizzare un altro evento, che si sarebbe tenuto a Modena qualche giorno più tardi (dal 22 al 24 Marzo) e quando gli organizzatori di quell’evento sono venuti a prendere il materiale pubblicitario, si sono fermati al nostro Stand a chiacchierare e a chiederci delucidazioni in merito a Thanks Attitude e così … ci hanno invitati a Modena !

– E infine, grazie ad un altro incontro particolare con una cantante che utilizza la voce per guarire (Krisztina
Nemeth) e che è stata anche lei attratta dalla particolarità del nostro Stand, abbiamo conosciuto Igor Bragato, fondatore di Quantic Magazine !

Abbiamo voluto raccontarvi questo episodio perchè rappresenta uno dei tanti esempi di come, sovente, si abbia la tendenza a giudicare solo con gli occhi invece di fidarsi della voce del nostro cuore.

E’ importante ricordare che quando si inizia a camminare su un percorso di crescita personale, sia esso “Thanks Attitude” o un altro ancora, si percepisce che l’unica meta che abbia un senso raggiungere sia quella che ci porta ad imparare ad amare e a fidarci sempre di più e, su questa via, ogni lezione che ci capiti di imparare, sarà sempre un dono.

Un abbraccio.

Rob & Mar

© 2013, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Thanks Attitude


Specchio … immaginate che ogni cosa, ogni persona, ogni situazione sia uno specchio che ci mostra il nostro Sè più vero e profondo. Emozioni … immaginate di accettare che ogni Emozione che proviamo sia la manifestazione di una parte di noi stessi. Difficoltà … e immaginate che tutte le difficoltà che incontriamo sul nostro cammino, siano dei promemoria che ci manda la Vita per farci apprendere, pienamente, i due concetti precedenti. In questa prospettiva, non esiste più nulla che non possiamo fare. Se effettivamente tutto, intorno a noi, è il riflesso di quello che abbiamo dentro, allora è sufficiente cambiare noi stessi per cambiare il mondo che ci circonda. Se accettiamo che le Emozioni siano una manifestazione del nostro "Io profondo", allora impareremo ad amarle … tutte … anche quelle che vengono considerate negative e le ameremo perchè sono una parte di noi. In questa visione, le difficoltà non rappresenteranno più degli ostacoli per la nostra crescita ma l'esatto opposto e, per questo motivo, le Ringrazieremo … con il cuore. "Thanks Attitude" è proprio questo … è l'attitudine a ringraziare per ogni cosa che ci viene data da provare. Il percorso Thanks Attitude si articola in 4 livelli: 1° livello: il ringraziamento verso i propri genitori (le Radici) 2° livello: il ringraziamento verso il proprio compagno di vita (la Condivisione) 3° livello: il ringraziamento verso se stessi (l'Autostima) 4° livello: il ringraziamento verso la vita (il Cuore) Mi chiamo Roberto Gandolfo (Rob) e, insieme alla mia compagna Maria Teresa Frezet (Mar), abbiamo creato questo percorso di crescita. Il capire quanto sia importante ringraziare per ogni esperienza che viviamo, è stato il più bel regalo che la Vita ci abbia donato. Ci piacerebbe condividerlo con voi. Un abbraccio. Rob & Mar Sito ufficiale: www.thaatt.com email: ThanksAttitude@Gmail.com

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento