Scritto venerdì 23 novembre 2012

In: Vivere Consapevole | 2 Commenti

Luce e Ombra: Integrare la Dualità nell’Unità

Ho cercato a lungo la Luce, cieco non vedevo nel buio, l’ombra era ciò che mancava, l’ombra come spazio che contiene le frustrazioni e tutto ciò che è stato represso e rifiutato.
Riconoscere esclusivamente nella Luce il Bene, è frammentario e separativo, ancora un moto ignorante della mente polarizzata nella dualità.
Mentre riunendo Luce e Ombra si è completi in Sè, riuniti nelle nozze alchemiche, le polarità si fondono nell’Uno.
L’ombra è la madre da cui proveniamo, il buio, il silenzio, lo spazio, da cui siamo emersi in questo mondo. L’ombra è le fondamenta del nostro essere, il sostegno e il nutrimento, la linfa vitale, il completamento.
L’ombra è la Luce negata.
Per Ombra quì si intende tutto ciò che è stato negato, rifiutato, censurato dall’inizio dei tempi, sin dal primo giudizio che ha definito ciò che è sbagliato, male, negativo, riprovevole, errore, da evitare, appunto da reprimere e nascondere. Così è nato e si sviluppato il senso di separazione, di mancanza, di incompletezza, di scarsità e debolezza.
Un Vero, autentico lavoro interiore che ha come obiettivo la completezza e la realizzazione si fonda indubbiamente sullo scoprire, riconoscere e accogliere l’ombra, l’inconscio, ciò che è velato alla coscienza e celato nei recessi interiori.
Il cercare solamente la Luce è separitivo e parziale, inevitabilmente porta grandi scompensi.
Abbracciare l’ombra è benefico, nutriente, ci completa e fortifica rendendoci integri e coesi.
Cercare di colmare i vuoti interiori con forme esteriori è fallimentare, auto, case, cose, partner, famiglia, aspetto fisico…sono solo palliativi superficiali, il senso di vuoto rimane e anzi si fa più vivo, sonoro, visibile e percepibile, intenso.
Aprirsi a riconoscere e abbracciare l’ombra è la via maestra per sentirsi unificati e ritornare alla perfezione originaria, sani e armonici, bilanciati e saggi.
L’ombra è veramente tutto ciò che sentiamo di avere perduto e rincorriamo da sempre, tutto ciò che ci manca e cerchiamo invano fuori noi stessi è veramente già presente in noi, nel profondo oscuro abisso, pronto per essere svelato, amato, accolto nella luce della consapevolezza.
L’ombra è la verità negata, la metà di noi che è sempre in noi, nella dolce attesa di essere vista, apprezzata, integrata coscientemente, colmandoci di pace, pienezza, gioia, profondità e armonia
“Amare se stessi” si realizza pienamente nell’amare l’ombra in noi, riscoprendoci completi e ricchi. Amare tutta la mela anzichè solo metà, per ritornare alla perfezione originaria, in quel paradiso da cui la mela è stata colta e mangiata, uno spazio di coscienza incontaminata e indivisa, Unificata.
Ti auguro con tutto il cuore di Amarati e Realizzarti pienamente!

Un abbraccio di Luce
Kabir Matteo Cervi

© 2012, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Kabir Matteo Cervi


Kabir è insegnante, guida e operatore energetico risvegliato. Condivide la propria esperienza e conoscenza della vita dopo il risveglio in una modalità semplice, aiutando le persone a connettersi col Divino e a Risvegliarsi, liberandosi dalla sofferenza interiore. Quello che puoi ricevere incontrando Kabir : - crescere nel livello di coscienza ovunque ti trovi nel tuo percorso di risveglio - sviluppare consapevolezza - trasformare le cariche interiori negative - creare e sviluppare la connessione col tuo divino - ricevere energia spirituale per facilitare il risveglio e l'evoluzione

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


Kabir Matteo Cervi Kabir Matteo Cervi ha detto:

Grazie caro Walter per le parole di stima, come ben sai, ciò che riconosci nell’altro sono tuoi aspetti…un abbraccio di Luce

Kabir

Sono un Ricercatore della Verità da lunga data, ho tanta esperienza di lavoro interiore con Maestri e insegnanti di grande spirito e consapevolezza. Sono un “servitore” non conosciuto nè famoso, porto messaggi e luce in maniera invisibile. Quando ho conosciuto “mio fratello” KABIR MATTEO CERVI mi ha colpito la sua leggerezza, la sua gentilezza e la totale assenza di EGO. Ho pensato :
“è un Grande, un’anima bellissima”
Ci siamo visti 2 volte…ci conosciamo da sempre…questa è la sensazione..
Condividiamo gli stessi interessi che sono:
RISVEGLIO DELLA CONSAPEVOLEZZA ED UTILIZZO DI VARIE FREQUENZE ENERGETICHE atte a facilitare il benessere e la “guarigione”.
Dopo il primo incontro con Matteo ad un Satsang nei primi mesi del 2012 sono stato ispirato e grazie a lui ho scritto il mio primo libro di canalizzazioni ( ho naturale faciltà a comunicare con lo Spirito )
Matteo ti parla e ti accoglie allo stesso tempo, non senti giudizio in lui (cosa rara vi assicuro); porta fuori il meglio di te e lui è felice di questo…
Ecco io Matteo lo vedo cosi’..

Walter