Scritto domenica 05 marzo 2017

In: Pratiche | Tecnologie | Nessun Commento

Come i disegni rivelano chi siamo | Introduzione allo Human Design System®

Che cos’è lo Human Design System®

E’ chiamata la scienza della differenziazione. Ci mostra come ognuno di noi ha una unica e differenziata matrice informativa ed energetica e come è equipaggiato per decidere della propria vita in modo allineato alla propria natura individuale.

Lo strumento che Human Design System® utilizza è una Rave Chart, un disegno individuale elaborato sulla base di due parametri che caratterizzano la nostra nascita: il momento esatto e la geometria del luogo in cui siamo venuti al mondo.

Ogni Rave Chart è unica, raffigura l’imprinting genetico e ambientale di ognuno di noi, e che assieme identificano il nostro bagaglio di qualità e caratteristiche consce e inconsce su cui noi possiamo contare e che sono le fondamenta su cui si regge il nostro pieno sviluppo come esseri umani.

La Rave Chart è una sintesi complessa di molte informazioni che concernono la persona, come vive se stessa, come si percepisce, come si relaziona con l’ambiente, con gli altri, quali sono le sfide che lo attendono per realizzare il suo proposito di vita, qual è l’ambiente migliore che favorisce crescita, sviluppo e maturazione, quale è il suo modo di alimentarsi.

Soprattutto segnala qual è l’attitudine naturale che ognuno di noi possiede per prendere le decisioni corrette, in integrità e nel rispetto della propria natura individuale sia corporea che mentale.

In definitiva il disegno individuale rivela chi siamo, ma anche come ci siamo allontanati da noi stessi seguendo meccanismi automatici, difesa naturale da condizionamenti che non erano opportuni per noi.

Le Origini dello Human Design System®

Robert Allan Krakover, successivamente conosciuto come Ra Uru Hu, è stato il fondatore, messaggero e insegnante di Human Design System®
Canadese di origine, prima dell’incontro con quella che lui chiamò la Voce era un dirigente pubblicitario, editore e un produttore nell’ambito delle comunicazioni. Componeva e suonava.

L’incontro con la Voce avvenne il 3 gennaio 1987, esperienza che lui descrisse come terribile. La Voce gli disse: “Sei pronto per lavorare?” e per 8 giorni e 8 notti lavorò trascrivendo in dettaglio quello che oggi è conosciuto come Human Design System®.

Ra definì tale incontro come una sveglia, un sistema di informazioni che gli mostrarono quanto cieco e ignorante fosse riguardo alle sue assunzioni sulla natura dell’essere umano, del cosmo e di come queste funzionassero.

Come Ra diceva molte volte: “Non credete a nulla di quello che dico, sperimentatelo per voi stessi”. Ra è morto il 12 aprile 2011 alle 5:40 del mattino, a meno di un mese dal suo 63° compleanno.

[Info biografiche tratte dal libro The Definitive Book of Human Design – The Science of Differentiation, scritto da Ra Uru Hu in collaborazione con Lynda Bunnell]

A che cosa serve lo Human Design System®

Human Design System® risponde a molte curiosità prettamente mentali di come si muove la forza vitale di ogni singolo individuo.

E’ in grado di spiegare come le forze vitali individuali (che scorrono all’interno dei canali nel corpo grafico) tendono ad esprimersi sia in una modalità di assoluto rispetto della propria individualità, oppure assecondando meccanismi di compensazione che distorcono la percezione che ha di se stesso e dell’ambiente che lo circonda.

Questo è particolarmente evidente e si esprime nelle 9 macro aree di esperienza che sono presenti nel corpo grafico, i centri.

Un tema molto importante, profondamente indagato da Human Design System® è il tema del condizionamento.

Il condizionamento è inteso come la naturale compenetrazione di forze vitali che appartengono ai singoli individui quando si relazionano tra di loro nel momento in cui condividono assieme degli spazi sia temporaneamente, sia per settimane, mesi o addirittura anni.

Il condizionamento è un fenomeno fisico inevitabile. Il tipo e la durata dello stesso possono fare una notevole differenza nella qualità della nostra vita e interferire anche con la biochimica naturale del nostro organismo.

La particolare architettura cognitiva che possediamo e la mancanza di informazioni durante il processo di crescita, non ci permette di cogliere l’aspetto nutriente e fondamentale del condizionamento nella nostra vita.

Le sfide che siamo disegnati a superare, le relazioni che sono corrette per noi, si basano sul fenomeno del condizionamento.

Sottoporsi in modo consapevole all’ambiente corretto, alle persone corrette per noi, ci sostiene nel percorso di vita che siamo qui per vivere.

Al contrario, poiché non è scelto e vissuto, piuttosto è subito e sopportato, il condizionamento diventa uno degli aspetti primari su cui Human Design System® fa luce, e su cui si può obiettivamente intervenire per cercare di guarire la propria esistenza a un livello spirituale e conseguentemente anche fisico.

Nei prossimi articoli approfondiremo insieme questo straordinario strumento per comprendere sè stessi!  Per maggiori info seguitemi anche sul mio blog:  (http://comarmonica.blogspot.it/)

Buon Cammino!

© 2017, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Monica Comar


Dopo la laurea in Scienze politiche ho svolto diverse mansioni in ambito amministrativo e, parallelamente a ciò è cominciato il mio percorso di studi personale e di ricerca spirituale. Le scelte che ho fatto mi hanno condotto presso un centro spirituale dove per circa dieci anni ho praticato e sperimentato tecniche meditative e di lavoro personale secondo i principi di quarta via di G J Gurdjeff e allo stesso tempo ho vissuto nel corpo i movimenti energetici grazie alle pratiche di tai chi e il chi gong. Sempre nel medesimo centro ho sperimentato diverse tipologie di meditazione per il rilassamento fisico e per la guarigione fisica e animica secondo i principi taoisti e le tecniche di lunga vita. Successivamente mi sono dedicata a forme di meditazione e visualizzazione creativa finalizzate al benessere psicofisico sulla base dei principi della psicocibernetica di base e avanzata (Maxwell Malz). In seguito ho accresciuto le mie esperienze e attraverso corsi di astrologia di base e karmica nei quali ho appreso la lettura dei temi astrologici, e karmici singoli e di coppia. Già dal 2006 i miei interessi si sono spostati sugli effetti dei blocchi psicologici sul corpo e in particolar modo nell’ambito della salute, così ho approfondito queste tematiche con seminari di biopsicosomatica (J.C. Badard). Nel 2009 ho avuto il primo incontro con Human Design System® ed ho cominciato la formazione per diventare analista secondo il programma internazionale di formazione IHDS (International Human Design School) presso Human Design Italia. Ho conseguito la qualifica di Living Design Guide per tenere i seminari pratici di applicazione del sistema e rilasciare consulenze individuali di lettura del disegno.

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


informazione pubblicitaria