Scritto mercoledì 09 marzo 2016

In: Vivere Consapevole | Nessun Commento

Il Potere delle cose Semplici | Per uscire dalla confusione interiore

soffione

Capita alle volte nella vita, di arrivare ad un punto in cui non si capisce più come procedere. Questo succede ancora di più a chi è nel suo viaggio interiore, in un percorso di crescita e liberazione spirituale.

Si leggono libri, si imparano tecniche, ci si confronta con altri. Ogni volta sembra di aver compreso finalmente la verità tanto cercata, poi immancabilmente l’effetto magico scompare lasciando più avviliti, frustrati e soprattutto confusi.

Confusi, sì.

Perché si arriva ad avere nella testa delle informazioni opposte, che si contraddicono.

Da un lato chi dice di aiutare gli altri, dall’altro chi dice di stare lontano da chi ha problemi e quindi basse vibrazioni.

C’è il filone del pensare positivo e quello dell’entrare nel dolore per sentirlo.

C’è la consapevolezza che quello che pensiamo e proviamo attira a noi la nostra realtà, e poi il terrore che se siamo in un periodo negativo, stiamo immancabilmente creando un futuro doloroso.

Cosa fare?

Ci si sente bloccati, paralizzati con la paura di agire.

E se questo fosse voluto?

Forse lo è. Forse la nostra anima, stanca di una mente tanto tenace da voler continuamente sapere, conoscere, controllare, decidere, ci spinge in tante direzioni opposte per costringerci ad un certo punto a mollare. Per costringerci ad arrenderci, a lasciare andare il controllo costante sulla nostra vita e sulle nostre emozioni.

Ed eccoci li, doloranti e impauriti, senza più la forza di lottare, senza sapere come muoverci, con il terrore di fare un passo sbagliato e restare delusi, di nuovo, o peggio di venire “puniti”.

Da dove ricominciare? Come uscire dal caos?

Ricomincia dalle cose semplici.

Ricomincia dalle piccole cose che ti danno gioia.

La gioia è il modo in cui l’anima ci indica che siamo in contatto con lei, che siamo in risonanza con ciò che lei vuole sperimentare, che siamo sulla strada che veramente siamo venuti per percorrere.

Inizia a chiederti:

Che cosa vorrei davvero in questo momento? Che cosa potrebbe darmi gioia?

Non importa se è una cosa banale come un gelato, un film, o ancora più piccola come una caramella.

Questa piccola insignificante scelta, questo minuto gesto, ti riporta vicino a te stesso, ti riporta al tuo sentire, alla tua guida interiore.

E poi chieditelo ancora e ancora e ancora.

Ogni volta in cui provi qualche secondo di gioia e poi qualche minuto e con il tempo qualche ora, riattivi in te le giuste vibrazioni per uscire dalle sabbie mobili in cui ti trovi.

Per riuscire a sentire dentro di noi le giuste risposte e per poter fare i giusti passi ispirati dal nostro Sé divino, è necessaria molta energia, è necessario quindi provare felicità, entusiasmo, divertimento.

Non ti preoccupare se in questo momento ti sembra impossibile, non costringere te stesso a fingere di essere ciò che non sei e di provare ciò che non provi.

Permettiti di essere esattamente nel punto in cui ti trovi, che è dove la tua anima ti ha voluto portare per farsi ascoltare da te.

Permettiti di ascoltarla ora, nelle piccole cose che ti ricordano il gusto della vita, nelle piccole cose senza sforzo e senza peso che ti ricordano chi sei.

Concediti poi di essere un po’ egoista, di delimitare il tuo spazio vitale, di far rispettare i confini che ti sono necessari per muoverti, esprimerti, ascoltarti.

Se ti senti prosciugato, se senti di avere poca energia per te stesso, non cederla a coloro che non ti chiedono nemmeno come stai e ti buttano addosso i loro problemi e le loro aspettative, è solo una manipolazione mentale del “dovere” alla quale sei stato educato.

Ma il primo dovere è verso te stesso.

Quando starai bene, quando sarai forte e sereno, quando avrai a tua disposizione tutte le risorse che ti servono per procedere saldo nella tua vita, potrai scegliere come essere di sostegno agli altri, se lo vorrai. Ma non in questo momento.

Quando siamo malati fisicamente abbiamo bisogno di riposo, di silenzio, di tempo, di non disperdere le energie per permettere al corpo di guarire.

Allo stesso modo quando si è in un momento di confusione, di fragilità, di stanchezza interiore, è come avere l’influenza, è una febbre dell’anima e va trattata alla stessa maniera, con la stessa delicatezza, con lo stesso rispetto per noi stessi e per le nostre necessità.

E’ il modo in cui l’anima ci spinge a ripartire da noi, il modo in cui ci insegna a ritornare in noi stessi per ritrovare il nostro centro, per comprendere la nostra forma, per dedicarci il tempo e le attenzioni che solitamente ci neghiamo, per imparare ad amarci e ad ascoltarci di più.

Se ti senti in un momento di smarrimento, se sei nel caos e non sai come uscirne, ritrovare il piacere dei gesti semplici, delle piccole attenzioni che da bambino ti aspettavi da altri ma che oggi puoi rivolgerti da solo.

Di che cosa hai veramente voglia in questo momento?

E riparti da li.

© 2016, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

Informazioni sull'Autore

Georgia Briata


Nasco in provincia di Alessandria nel 1976 e ancora piccola mi trasferisco a Genova dove tutt'ora continuo ad avere le mie radici. Dopo diversi anni di vita “ordinaria” e di lavoro d’ufficio, nel 2005 intorno ai 30 anni mi accosto al panorama delle discipline olistiche. Avvertendo un’ inspiegata fiducia cieca nei confronti della vita, lascio un lavoro sicuro per affidarmi completamente alle mani dell’universo e da allora ho sempre messo nella pratica del mio quotidiano ogni nozione imparata, facendo della vita stessa la mia scuola, una “scuola” che mi porta spesso in giro per il mondo. Oggi sono Scrittrice, Master Reiki, Theta Healer, Spiritual coach, channeler, blogger olistica e operatrice di diversi tipi di massaggi, ma ancora di più mi piace definirmi una “Ricercatrice di Sogni e parole”. Sono sempre stata convinta che i Sogni si possano realizzare e che dovevo comprendere come, per me e per gli altri, da qui nasce il mio progetto The DREAM project, che tramite blog, seminari, coaching e Reiki ha lo scopo di aiutare le persone a ricordare il Sogno della loro anima. www.thedream-ilsogno.it www.iosonoilmiobuddha.it www.ilgustodellanima.it www.iovivoreiki.it

Scopri tutti gli articoli di:

Lascia un Commento


informazione pubblicitaria