Published On: Ven, Feb 1st, 2019

La vita ha più fantasia di noi


La nuvola è un maestro che ha trasceso il desiderio di andare da qualche parte

C’è un grado di accoglienza del presente e della vita così come viene che non ha nulla a che vedere con la rassegnazione o con l’accettazione psicologica nella quale si insidia la frustrazione.
Un’arrendevolezza che non ha niente a che vedere con l’essere perdenti. 
Una pace che non ha niente a che vedere con la fine di una guerra. La pace dopo la guerra è condizionata dalla fine di qualcosa, mentre la quiete dentro la tempesta è la quiete della resa totale.
Niente a che vedere, anche, con passività e immobilismo, inazione e fatalismo.

Chi ha provato anche solo per un istante una sensazione del genere, ne intuisce la preziosità, sa quanto spazio crea dentro e fuori di noi. A quante aperture ci immerge e ci eleva, a quali imponderabili silenzi dentro il frastuono di ogni titubanza.
Quando certe cose, situazioni, emozioni, pensieri ci sembrano “impossibili”, tremendamente scomodi, insormontabili, altresì inspiegabili …  accorciare le distanze tra l’affollamento e il vuoto, lo sgomento e lo stupore, il disagio e la leggerezza, la mente e il cuore.
Prendere fiato nel respiro e senza interferire dire di sì alla vita.
Mi viene in mente quel bel film tratto dall’altrettanto bel racconto di Scott Fitzgerald, Il curioso caso di Benjamin Button e il suo “mantra”:


“Non sai mai cosa c’è in serbo per te” 

che io traduco sempre come “la vita ha più fantasia di noi!”
E poi ci sono tante storielle zen su personaggi a cui ne succede di ogni – sia nel “bene che nel “male” – e che ad ogni accadimento rispondono sempre alla stessa maniera:


fortuna o sfortuna? Chissà ...” 

C’è una parola meravigliosa a cui si può condurre tutto questo: fede. 
Fiducia
Surrender
Smettila di resistere, arrenditi. E lascia che qualcosa di infinitamente più grande si compia attraverso di te.


Il sole ha premura di splendere, niente di più. 
Il cielo ha l’ardire di cogliere tutto lo spazio infinito 
tra il volo di rondini e di aerei 
sincronizzati al loro destino, niente di più. 
Le stelle puntuali all’abbrivio della notte 
senza pudore palpitano e sono già cadute 
per chi le scruta dalla terra anni luce distante, niente di più. 
I rami di ciliegio non si aggrappano ai loro frutti 
s’inchinano alla perdita di quelli già maturi 
che colorano di rosso le radici 
nel recinto di un’aiuola, niente di più. 
Il dondolio dell’altalena rallenta la sua corsa 
seguendo il ritmo di chi, passando, ha spinto 
il suo cuore un po’ oltre nel vento, niente di più. 
Il bimbo giace addormentato sulla spalla della madre
con tutto il suo peso senza un briciolo di pena 
sorride quasi all’incantesimo del sogno, niente di più.
Non c’è nient’altro da aggiungere alla perfezione della vita 
quando la si lascia fare. Semplicemente, accade. 
Come un giorno che tira l’altro 
come le dita tra i grani di un rosario 
o i baci degli amanti
come questo miraggio di estate 
che sa di latte di cocco e di tabacco 
che rimane tra i denti e poi va via, niente di più.   
E niente mi sembra più perfetto di questo momento.
 
(“niente di più“, da Il mestiere del dare – Cecilia Martino)



Lasciare che la vita si compia attraverso di noi richiede un atto di resa rivoluzionaria che fa piazza pulita di qualsiasi schema mentale. L’alternativa al letteralismo è darsi al mistero senza pretesa di risolverlo.
È una trasformazione che solo il “fare poetico” rende possibile, non avendo altra missione che questa: il mestiere del dare

Puoi comprare il libro su Amazon

www.ceciliamartino.it

Consigli di lettura

E’ meglio il silenzio che l’equivoco (Arthur Rimbaud)

© 2019, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

About the Author

Cecilia Martino

- Nasco a Roma sotto il segno della Vergine. Anno 1976. Mi laureo in Lettere prima e in Filosofia dopo con una tesi dal titolo: "Poesia. Immagini dialettiche. La ricerca linguistica dell'indicibile". Approfondisco nel tempo i temi della Comunicazione linguistica e dell’Estetica coltivando, in particolare, una connaturata vocazione alla scrittura creativa e mitopoietica. Negli ultimi anni ho pubblicato 4 libri, la raccolta di poesie “illogicaMente” e alcuni saggi nella rivista di settore “Philosophema”. Studio e pratico Yoga, spiritualità e discipline orientali. Negli anni ho affrontato svariati studi di tutti gli Yoga classici, sia dal punto di vista pratico che teorico, frequentando seminari di approfondimento su Veda, Purana, Upanishad, Ayurveda, Sciamanesimo e Meditazione ad approccio Immaginale (con Diploma per Istruttori metodo IMMAN – Imaginal Mindfulness Meditation Approach Nontherapy- conseguito nel 2016). A Settembre 2016 conseguo il Diploma per Insegnanti Yoga rilasciato dalla Scuola Yoga Shanti Vidya SVYASA (Swami Vivekananda Yoga Anusandhana Samsthana) con una tesi dedicata a uno dei più grandi grandi filosofi e maestri spirituali dell’India moderna, Sri Aurobindo, infaticabile ricercatore e sopraffino poeta, nonché padre dello Yoga Integrale, uno yoga che supera lo yoga stesso in quanto vera e propria visione rivoluzionaria dell’esistenza! Professionalmente mi occupo di editoria web da oltre 10 anni, dal 2005 sono iscritta all'Ordine dei Giornalisti del Lazio, ma il mio vero Lavoro è quello della ricerca interiore messa al servizio della crescita personale e collettiva. Attualmente vivo a Torino. Ho aperto un Blog dal titolo “Il mestiere del dare” ispirato alla condivisione della Gioia, uno stato creativo dell'essere di cui tutti dovremmo essere "portatori sani". Imprese memorabili: Vivere nel mondo ma non essere del mondo Il mio motto: Io mi contraddico. Sono ampio. Contengo moltitudini (Walt Whitman) http://ilmestieredeldare.blogspot.it/

Lascia un Commento