Published On: lun, Dic 21st, 2015

L’Astronave Bianca|Incontro con Eugenio Siragusa

astronave-bianca

Il canto ritmato giungeva dalla Moschea vicina, cantilenato e lontano accompagnava i miei risvegli nelle calde e mistiche albe indiane.

Tutto era così diverso dal mondo occidentale, anche se l’ essere umano e’ uguale ovunque, con i suoi pregi, difetti, speranze e sofferenze, il mondo orientale e’ davvero un altro pianeta, another earth.

Iniziai a sentirmi leggera in uno stato meditativo spontaneo e piacevole, entrai un uno strano campo di esperienza, tra sogno lucido e viaggio astrale o quantico, come preferisco chiamarlo.

Vagavo con la coscienza tra sistemi stellari, bagliori, colori, suoni di arpe e squilli improvvisi, i suoni dei chackra, improvvisamene un astronave bianchissima e lucente mi raggiunse silenziosa, era piccola un piccolo ricognitore pensai, l’uomo scese dal disco e mi si avvicino’, era umano, luminoso con una tuta bianchissima quasi fosforescente, non avevo letto ne sapevo molto di lui, ma lo riconobbi subito era Eugenio Siracusa, il padre dell’ufologia italiana, una grande anima che da qualche anno aveva lasciato il piano terreno.

Rimasi piacevolmente stupita, Lui mi sorrise e mi abbracciò, parlo’ a lungo dei modi superiori, del Criso e degli angeli in astronave, così ricordo, ma non le parole, tutto avveniva da mente a mente, coscienza a coscienza, il tempo parve fermarsi. Eugenio fini il suo discordo dicendomi “ora vado da tuo marito devo portarlo in viaggio con me”, non capii a cosa si riferisse essendo io allora separata, ma dissi soltanto un po’ delusa, ed io? non mi porti con te? Lui sorrise e mi prese le mani tra le sue,  “un’ altra volta ora tu non ne hai bisogno, lui si, tu hai già migliaia di contatti con Loro” e indico’ la volta stellata, “Ci vediamo lassu’ cara sorella”, mi disse dolcemente e rientrato istantaneamente nel bianco disco, parti’.

Continuai il mio viaggio animico tra le stelle, oservavo i mondi danzare, e suoni strani, la sinfonia delle sfere pensai, vagavo estasiata, senza peso ne affanno tra quelle dimensioni blu e oro, improvvisamente mi ritrovai in un luogo, un tempio? Non so, i pavimenti dorati formavano lo Sri Yantra ovunque, uno dentro nell’ altro, e voci melodiose cantavano la AUM (OM) celeste. Camminai con il corpo sottile, ma non ne sono crta, forse tutto il mio corpo era li , non importa. Ero avvolta dall’ Amore e seppi, lo seppi con certezza, ero su Sirio.

Un rumore mi fece sobbalzare nel letto, bussavano alla porta, ci misi un po’ a tornare nel piano denso terrestre, mi alzai, sorridendo ricordai ogni particolare di quello strano e divino incontro con Eugenio di cui quasi nulla sapevo allora, ne di ufo o altro. Ora so il perche’ di quell’ esperienza e delle molte che seguirono e che ancora continuano, in una danza gioiosa e sacra tra la Terra ed il Cielo………..shanti om

© 2015, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

About the Author

Tullia Parvathi Kalindi Turazzi

- Nata a Monza provincia di Milano il 10 agosto nella bellissima e magica notte di San Lorenzo. Ha frequentato il liceo Artistico di Brera, diplomata in grafica pubblicitaria, studia da autodidatta dall' eta' di diciotto anni : psicologia e religioni antiche, simbolismo e arte. Studi di danza moderna e pattinaggio artistico. Curiosa estroversa, interessata alla fisica quantistica e aperta a tutto cio che e' nuovo. Spirituale ma concreta. Fin da piccolissima manifestava straordinari poteri di obe , visioni astrali e precognizioni.Studiosa di astrologia, esperta di cing e tarocchi. Conobbe il suo primo maestro vivente a 33 anni. M.R. che la inizio” alle misteriose vie dell Essere. . Divenne Master reiki usui e karuna, le prime iniziazioni in italia e il master in india, dove vive attualmente, spostandomi dalla citta di Bangalore al villaggio sacro di Puttaparthi e altre citta' sacre indiane. In India dopo un incontro astrale con il Maestro,ebbe la fortuna e la grande benedizione di conoscere ed incontrare fisicamente l Avatar di questo Kali Yuga SRI SRI SATHYA SAI BABA... Un esperienza che da sola merita un libro.che infatti sta ultimando. Ebbe il primo nirvikalpa samadhi a 29 anni, fu un esperienza improvvisa, illuminazione istantanea e intensa che cambio radicalmente le sue credenze e percezioni. Contatta da sempre i fratelli galattici in un contatto continuo sia fisico che sottile, viaggia in astronave fino ad arrivare all' incontro fisico in carne ed ossa nele strade di Puttaparthi con l' arcangelo Michele e con l' arcangelo Raffaele detto Ramu, lo stesso equipaggio dei contattisti Giorgio Dibitonto e Adamsky, raccontato in un suo bellissimo video youtube, Scrive per la rivista Runabianca e vari altri blog, radio private e altro.Concede interviste gratuite e rare e particolari Iniziazioni non solo reiki, ma personali..un prezioso e particolare potere datole in dono del Suo Amato Maestro Sai Baba, iniziazione he dona con amore alle anime che sente pronte, il tutto sempre sotto la guida amorevole dei Maestri. Prosegue il suo percorso seguendo i vari insegnamenti AMA TUTTI E SERVI TUTTI...il suo percorso umano e spirituale continua, Servire la Luce e la Nuova Era l' unico motivo per cui si e' incarnata, legata ai sistemi stellari di Sirio A e Venere, viaggia in astrale a Shamballah, di cui racconta le meraviglie e gli insegnamenti ricevuti, nei suoi racconti, sta per pubblicare il suo primo libro, Il GIARDINO DEGLI SPECCHI a novembre 2014 lo trovate su tutti i cataloghi online di libri o a richiesta nelle librerie.Procede sempre con rinnovato entusiamo e gioia interiore nel servizio e nella ricerca perche' non c' e limite alla bellezza e alla meraviglia della Rivelazione.

Lascia un Commento