Published On: gio, Feb 26th, 2015

Viaggio nella spiritualità del Tibet

tibet

Talvolta fare le valige e saltare sul primo volo disponibile non basta per staccare la spina dalla routine quotidiana. Talvolta bisogna dimenticarsi completamente il mondo moderno, recuperare una dimensione interiore più profonda e restare in silenzio. Stiamo parlando del Tibet.

Le energie che ogni giorno spendiamo a combattere lo stress causato dai milioni di stimoli audio-visivi che ci circondano sono incalcolabili, ma siamo così abituati a farlo che non ne abbiamo nemmeno la percezione.
Ecco perché per la prossima vacanza la risposta giusta alla domanda “dove andare” può essere il Tibet. Un luogo incantato, mistico e carico di storia, nel quale entrerete letteralmente in una nuova dimensione. Scordate abitudini e vizi occidentali, qui la vostra guida non sarà più lo smartphone.

Preparatevi a raggiungere quote elevate e campeggiare sulle montagne per raggiungere città come Lhasa, Tsurphu o Shigatse tra monasteri perduti nel tempo e paesaggi mozzafiato. Organizzare un viaggio di queste proporzioni, specialmente se il vostro spirito avventuriero ha la meglio sulle scelte da effettuare giornalmente, potrebbe nascondere qualche insidia, da un piccolo infortunio allo smarrimento dei bagagli.

Per questo motivo è consigliabile stipulare una polizza viaggi prima di lasciare casa. Grazie alle numerose offerte presenti online è possibile scegliere il preventivo su misura, facendo un confronto con le assicurazioni viaggio sui portali dedicati alla comparazione.

Oltre a mettere al sicuro la vostra vacanza da eventuali contrattempi, è bene sapere che per andare in Tibet sarà necessario affidarsi a una guida Tibetana e conoscere almeno un po’ di inglese. Inoltre per ridurre il costo del viaggio sarebbe bene aumentare il numero dei partecipanti organizzandosi con qualche amico, sia per quanto riguarda i servizi che per gli alberghi.

Il Tibet è la patria della meditazione, e questa pratica sta diventando un metodo sempre più diffuso per gestire lo stress, ma la vera esperienza della trascendenza scaturisce degli effetti molto più radicati del semplice relax. Purtroppo fino a non molto tempo fa in ogni parte del mondo l’abilità di trascendere in maniera semplice era andata perduta. I testi della tradizione più antica della conoscenza descrivono la trascendenza come lo stato più elevato dell’esperienza umana, fondamentale per il nostro completo sviluppo come esseri umani. Oggi questo trova conferma e applicazione grazie alla scienza moderna, che misura ciò che accade nel corpo e nel cervello durante la pratica della Meditazione Trascendentale.

Quando la mente trascende il più sottile impulso del pensiero, entra in uno stato di completo silenzio interiore. Ciò avviene in maniera assolutamente naturale. Non si può cercare di rendere silenziosa la mente, non è nostro compito. Con la giusta tecnica la mente lo fa autonomamente. Quando la mente trascende, il corpo entra spontaneamente in un profondo stato di rilassamento, persino molto più profondo del sonno. Questo profondo riposo attiva le capacità interne di guarigione del nostro corpo.

Rilassamento significa eliminazione delle tensioni. Il nostro corpo possiede una modalità del tutto naturale naturale per rimuovere tutte le tensioni che accumula. Questo è quello che normalmente facciamo durante il sonno, ma il riposo del sonno non è abbastanza profondo per sollevare gli stress traumatici radicati nel profondo. Trascendere farà esattamente questo. I risultati sono più evidenti in coloro che ne hanno più bisogno.

Una ricerca effettuata sui veterani di guerra dell’Iraq, ha mostrato una riduzione del 50% del PTSD (disturbo post traumatico da stress) e della depressione, dopo soltanto 8 settimane di pratica della Meditazione Trascendentale. I risultati sono stati così spettacolari che la CNN li ha presentati  in occasione dell’US Veteran’s Day. L’importanza dei problemi di queste persone è estremamente più grande dei nostri problemi di tutti i giorni. Se la Meditazione Trascendentale ha potuto aiutarli, anche quando nient’altro sembrava funzionare, possiamo quantomeno immaginare che possa aiutare chiunque.

Insomma, che aspettate, l’antico mondo tibetano è là che vi attende per essere visitato e regalarvi quella serenità persa tra scartoffie d’ufficio e trambusto giornaliero. Molto meglio delle parole, però, in questo caso, sanno essere le immagini del Tibet. Vediamone qualcuna per restare impressionati senza troppe spiegazioni!

tibet-525424_640

tibet-216953_640

the-potala-palace-479810_640

chinese-533078_640

shangri-la-318057_640

buddhism-210206_640

© 2015, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

About the Author

- Appassionata di new media e comunicazione, cerca di trovare nel web il giusto compromesso fra quello che è possibile fare e quello che, invece, "potrebbe" esserlo.

Lascia un Commento