Published On: Mer, Nov 28th, 2012

Percezione e Risveglio

 

(Articolo scritto da Franco Andres)

Un superiore livello di percezione e risveglio interiore permette di sentirsi padroni della propria vita, e di ciò che ci accade, sia in positivo, che in negativo; questo periodo di  tempo è un potenziale portale per accedere ad un livello superiore di consapevolezza.

Il risveglio interiore avviene o (almeno dovrebbe avvenire) in virtù di una consapevolezza di se stessi sempre maggiore, conquistata giorno dopo giorno, con domande come: chi sono, cosa faccio in questo mondo, quale è lo scopo della vita; deve essere un lavoro costante, giorno dopo giorno, nessuno può regalarci nulla, l’acquisizione di coscienza è un percorso individuale.
Lottiamo continuamente per cambiare un mondo esterno che non ci piace, concentrando le nostre forze nella direzione sbagliata, perché l’obiettivo è il cambiamento interiore.
Mai sentito il detto che dice: tutti vogliono cambiare il mondo, ma nessuno pensa di cambiare se stesso?
Qualsiasi forma di conflitto o di lotta esterna è distrazione dal vero obiettivo! La vera trasformazione deve essere interiore e non esteriore, se io cambio interiormente, ciò che mi circonda cambia di conseguenza.
Il risveglio interiore (risveglio dalla gabbia emotiva e mentale di questo sistema che abbassa la consapevolezza individuale) può avvenire solo allenando i nostri sensi in un costante moto di ribellione interiore dagli schemi imposti  da altri.
Respiriamo, ma non siamo veramente consapevoli che lo stiamo facendo: per me questo significa per vivere nel presente, un compito che non possiamo delegare a nessuno se non a noi stessi.
I lavoro su di sè deve essere costante, non lasciato al caso, non si tratta di credere per fede, ma di apprendere e poi sperimentare in prima persona, una trasformazione radicale dell’io.
Seguendo il senso comune (della massa) non è possibile intraprendere nessun tipo di lavoro su di sé, in quanto tale concetto è stato distorto volutamente abbassando la consapevolezza delle masse.
E’ risaputo che alcune reazione chimiche in laboratorio non avvengono senza la presenza del chimico, poiché la coscienza  influenza il risultato, non esiste una vera separazione tra  dentro e fuori.
Sentire la propria famiglia dire: sei cambiato, non sei più quello di una volta, è un segno positivo! Altrimenti sarebbe una vita sprecata nella stagnazione.
Si tratta di prendere consapevolezza della schiavitù di un sistema di pensiero massificato, comprendere che il vero potere sei tu, è dentro di te, serve spogliarsi dai vecchi schemi.
La maggior parte delle persone vive di speranze e di immaginazione, sia nella fede che nella mancanza di fede, cerca un leader, è alla continua ricerca di un maestro, ha bisogno di questa figura che gli dica cosa deve fare, ma non è necessaria.
In questo periodo di messa in discussione di tutti i dogmi che l’educazione formale ha inculcato, dobbiamo liberarci dalle false credenze, dal pregiudizio; la vera percezione è pura, senza alcuna distorsione data dal continuo giudizio o pregiudizio nei confronti di se stessi e degli altri: questa è autentica percezione di sè e del mondo.
Condizionati dal passato, dalle tradizioni, dall’educazione, dalle nostre personali esperienze che danno luogo a paure e desideri: è per questo che non abbiamo un’autentica percezione del vero.
Quando un essere umano decide di uscire dall’ipnosi collettiva e inizia a lavorare su di sè per accedere ad un livello superiore di consapevolezza e coscienza, viene aiutato da energie che provengono dalla notte della storia, non siamo mai soli, in alcuni periodi potremo sentirci soli, ma non lo saremo mai, da altri piani dell’esistenza ci assistono entità di rango elevato e sono pronte ad aiutare chiunque voglia uscire da questa matrix psichica.

Franco Andres
laconsapevolezza.wordpress.com

© 2012 – 2018, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

About the Author

-

Lascia un Commento