Published On: mer, Gen 28th, 2015

Una nuova Scuola per i bambini della Nuova Era

bambini salto

…al di là della confusione, che è passeggera, c’è sempre un cielo pulito”
T. B. Coleman

 

(Articolo scritto da Alessandra Morri)

Sempre più spesso genitori ed insegnanti sono disperati perché non riescono a gestire i bambini e i ragazzi di questo millennio. Pare sia una cospirazione organizzata da questi giovani, per mettere in discussione la scuola che la considerano vecchia, così come i metodi e lo stile di relazionarsi con loro.

In realtà ciò che stiamo vivendo è un cambio di paradigma e un periodo di grandi mutazioni caratterizzate da profonde turbolenze sotto i profili umani, sociali, ecologici e planetari.
Tutto ciò è dovuto al fatto che siamo sollecitati da una frequenza che accelera il flusso degli eventi e ci porta a vivere una nuova coscienza di noi stessi.
La società non è più in grado di rispondere ai crescenti bisogni di un’umanità in pieno risveglio, allo stesso modo non ha più gli strumenti per educare le nuove generazioni.
Nel frattempo, i nostri figli devono avere un’istruzione ed immaginate come possono crescere in questo caos in cui stiamo vivendo.

I bambini di adesso sono assetati di domande che spesso non trovano risposte negli adulti, sempre più distratti a inseguire i sogni di una società dedita solo al profitto e al consumo.

Ora tutti i nodi stanno arrivando al pettine e il risultato è quello di una vita adulta frazionata, incoerente e profondamente frustrata, dove non si hanno più punti di riferimento, dove le antiche tradizioni si sciolgono come neve al sole e mancano i valori che permettono di guidare i nuovi bambini, in sintonia con la loro vera natura.

Perché accade tutto questo?

La Terra e il sistema solare sono entrati in un nuovo ciclo caratterizzato da un paradigma completamente differente, stiamo uscendo da pensiero strutturato prevalentemente da competizione, separazione e dualità e ci stiamo progressivamente affacciando verso una nuova era basata sull’amore, sull’armonia e sulla condivisione.

I bambini che nascono adesso sono spiritualmente più consapevoli, più intelligenti, più attivi, più creativi, ma sono ancora costretti a vivere in un contesto che non gli permette di esprimere i loro talenti e il loro potenziale, liberamente.

Addirittura vengono definiti da un’ignorante concezione, anche iperattivi o con la sindrome ADHD, perché non riescono ad ascoltare noiose lezioni, nonostante lo psichiatra americano L.Eisenberg dichiarò che la sindrome di iperattività con difficoltà di apprendimento non esiste, si continuano a considerare questi bambini come malati, somministrandogli dei farmaci.
Cosa serve a coloro che insegnano e che tanto hanno studiato, a comprendere che il metodo che utilizzano nella scuola attuale, seguendo i dettami ministeriali, non è più adatto?

alessandra morri

Insegnanti ed educatori devono staccarsi dal burocratico svolgimento dei programmi stabiliti a tavolino per volgersi ad ascoltare i bambini, accoglierli in un gruppo che si trasformi poi in gruppo di lavoro, renderli protagonismi del proprio percorso di crescita attraverso la cooperazione, la tolleranza, il rispetto per le differenze, e i tempi di ciascun bambino, chiamando in causa tutto l’impegno, la passione, la motivazione necessarie.

I neuroscienziati dichiarano che il massimo dell’apprendimento avviene solo se si è coinvolti emotivamente e se ciò che si è sperimentato, lo si trasmette agli altri. In questo solo caso si può raggiungere tranquillamente il 90% della capacità di apprendimento anche cognitivo.

La mia esperienza di ex insegnante, ricercatrice e sperimentatrice, come operatrice olistica e mamma di una bambina molto speciale, mi ha portato ad ascoltare le esigenze dei bambini e dei loro genitori, creando un innovativo metodo educativo, adatto a tutti, soprattutto ai piccoli da o a 10 anni; è il metodo Gioìa (si legge con l’accento sulla seconda i) che pone l’attenzione all’aspetto spirituale di ciascun essere, dove l’educazione avviene nella sua interezza; infatti lo sviluppo cognitivo, sociale, affettivo dipendono l’uno dall’altro senza essere considerati separati.
Attraverso delle specifiche attività è possibile canalizzare positivamente la propria energia, sviluppando un adeguato auto-controllo sui vari livelli: il corpo, le emozioni, la parola e le azioni e le relazioni.

Gioìa permette la crescita globale del bambino come unità di corpo-mente-spirito potenziandone la naturale creatività, a contatto con la natura.

In questo Spazio-Tempo si impara a sviluppare armoniosamente l’ascolto, la ricettività sviluppando il proprio ”autentico potere spirituale”.

Il messaggio che offre Gioìa è senza dubbio molto forte poichè diverso da quella che è sempre stata considerata l’educazione, dove si pone l’attenzione all’aspetto adulto-centrico, penalizzando le esigenze e i bisogni del bambino.

Il metodo Gioìa è nato per guidare i piccoli tramite lo sviluppo completo delle funzioni cerebrali dell’emisfero destro, cioè la parte creativa, immaginativa e ludica, che rappresenta anche la porta di accesso alla conoscenza e all’uso delle risorse quantiche.

nuove scuole

I bambini di adesso sono molto sensibili e in grado di vivere realtà parallele con facilità e leggerezza, perchè scritto nel loro dna.

Hanno un destino molto speciale: quello di salvare la Terra e permettere che ciascun adulto possa iniziare a risvegliarsi apportando dei cambiamenti positivi nella propria vita, diventando finalmente consapevole.

Consapevolezza infatti è la parola chiave, per poter uscire da questo tunnel trasformativo che stiamo vivendo.

Il compito di ciascun adulto è quello di aiutare i bambini nella loro missione, senza contrastarli né costringerli nei confini di un antica e riduttiva normalità sociale. Questo è il momento di dare vita ad una nuova specie, creativa, consapevole, rispettosa dell’ambiente e in piena connessione con la propria anima attraverso nuove scuole che li accolgano con amore e grazia.
In Italia esiste un luogo, il centro Pippicalzelunghe, dove si guidano questi bambini attraverso il riconoscimento della loro essenza divina, con il movimento consapevole, specifici atelier e giochi di energia basati sulla fisica quantistica.
Sostenendo questo pensiero, dal 2013 è attivo un percorso di formazione per adulti, desiderosi di guidare i bambini attraverso una nuova realtà educativa.

Per ulteriori informazioni vai al sito www.gioia4kids.it

E tu, cosa ne pensi? Anche tu sei un genitore di un bambino sensibile, speciale, per niente compreso dall’attuale società?
Dai, lascia un commento qui sotto e condividi con tutti noi quali sono le tue esperienze!

© 2015 – 2018, Quantic Magazine. Vietata la riproduzione anche parziale dei testi senza l’autorizzazione della redazione. Tutti i diritti riservati.
Per eventuali richieste contattare la redazione: redazione@quanticmagazine.com. Grazie.

About the Author

Redazione di Quantic Magazine

- Quantic Magazine è una rivista on line, un punto di ritrovo, una community completamente dedicata alla crescita ed evoluzione dell’individuo.Visitando Quantic Magazine potrai trovare articoli esclusivi, informazioni dal mondo dell’invisibile, dalla Fisica Quantistica alle ultime Tecnologie per l’evoluzione. Ma anche Ambiente, Bambini, Pratiche, Alimentazione, Consapevolezza, Miti, Tradizioni, Simbologie, Eventi, Libri e tanto altro! seguici anche su Facebook e twitter - @quanticMag

Lascia un Commento